Comune, Lions club e Arol donano 5 schermi multimediali alla scuola di Santo Stefano Belbo

Comune, Lions club e Arol donano 5 schermi multimediali alla scuola di Santo Stefano Belbo

SANTO STEFANO BELBO Cinque nuovi schermi multimediali sono stati donati all’Istituto comprensivo Cesare Pavese, dotando così il corpo docenti di nuovi strumenti all’avanguardia tecnologica per la didattica. L’Amministrazione comunale, supportata dalla sezione locale del Lions club e dall’azienda canellese Arol Spa, ha ritenuto opportuno rendere ancora più concreta la propria vicinanza al mondo dell’istruzione e alla fascia più giovane della popolazione in un anno così difficile per la pandemia mondiale da coronavirus. Il pedagogista svizzero Jean Piaget, fondatore dell’epistemologia genetica e pioniere delle teorie del costruttivismo, diceva che «l’obiettivo principale della scuola è quello di creare uomini che siano capaci di fare cose nuove, e non semplicemente ripetere quello che altre generazioni hanno fatto». Proprio con questo spirito, in un anno in cui il mondo della scuola e soprattutto gli studenti hanno pagato un prezzo molto alto, pur dimostrando un’incredibile capacità di adattamento alle modalità di erogazione della didattica a distanza e nell’organizzazione delle lezioni in presenza rispettato tutte le norme, l’Amministrazione del Comune di Santo Stefano Belbo, guidata dal sindaco Laura Capra, ha voluto rendere ancora più concreto il suo impegno nei confronti del plesso scolastico di via Montegrappa e verso tutti coloro che a vario titolo collaborano alla sua gestione. Allo scopo di intervenire nel modo più efficace, sono stati infatti interpellati il dirigente scolastico Giorgio Marino e gli insegnanti che hanno manifestato la necessità e l’esigenza, per una migliore attività didattica, di dotare l’Istituto di cinque schermi interattivi multimediali, ovvero la naturale evoluzione touch screen avanzata delle lavagne multimediali (le cosiddette Lim). Se il Comune ha dunque potuto destinare un’ingente somma per l’acquisto di tre di questi dispositivi, un contributo altrettanto importante è stato dato dal Lions club Santo Stefano Belbo-Vallebelbo e dalla ditta Arol Spa, che hanno regalato un’ulteriore schermo ciascuno.

Lorenzo Germano

Banner Gazzetta d'Alba