Allarme da Coldiretti: il gelo danneggia i fiori nei frutteti

Allarme da Coldiretti: il gelo danneggia i fiori nei fruteti

AGRICOLTURA Danni nei frutteti e nelle coltivazioni orticole per il ritorno del gelo dopo un inverno relativamente mite e un febbraio che in Piemonte ha fatto registrare una temperatura media più alta di 2,6 gradi rispetto alla serie storica. «Compromessa, un po’ in tutta Italia la produzione di ciliegi, albicocchi, peschi e mandorli che sono già fioriti», fa notare Coldiretti, che ha condotto un monitoraggio in tutto il Paese. «Ci sono anche danni agli ortaggi coltivati. Dove il gelo ha colpito i fiori la produzione di frutta è perduta», aggiunge Coldiretti.

L’abbassamento della colonnina di mercurio per lungo tempo sotto lo zero provoca danni gravissimi con la perdita della futura produzione di frutta e verdura ma lo sbalzo termico ha inevitabilmente un impatto anche sull’aumento dei costi di riscaldamento delle produzioni in serra, dettagliano i tecnici di Coldiretti. «Siamo di fronte alle conseguenze dei cambiamenti climatici con una tendenza alla tropicalizzazione e il moltiplicarsi di eventi estremi con una più elevata frequenza di manifestazioni violente, sfasamenti stagionali, precipitazioni brevi e intense e il rapido passaggio dal sole al maltempo che ha fatto perdere oltre 14 miliardi di euro in un decennio, tra cali della produzione agricola nazionale e danni alle strutture e alle infrastrutture nelle campagne con allagamenti, frane e smottamenti», conclude Coldiretti.

 

Banner Gazzetta d'Alba