Concluso al Govone il primo anno del liceo a curvatura biomedica

Concluso al Govone il primo anno del liceo a curvatura biomedica
SCUOLA Si è conclusa la prima annualità del liceo classico Govone a curvatura biomedica, un percorso fortemente voluto dalla scuola e sostenuto dalla Regione, realizzato insieme all’Ordine dei medici della provincia di Cuneo, rappresentato dal presidente Guido Giustetto. Durante la cerimonia di oggi, sabato 5 giugno, è stato dedicato un momento anche a questo importante traguardo.
Dice il preside Roberto Buongarzone: «Siamo entusiasti di essere riusciti a attivare questo percorso e di poterlo confermare anche per i prossimi anni, anche grazie al sostegno di realtà come la Fondazione Crc e la Fondazione Nuovo ospedale, che si è resa disponibile a sostenere il percorso. Abbiamo concluso questo primo anno con 24 studenti, di cui nessuno si è ritirato, cosa non scontata, dal momento che il percorso prevede cinquanta ore aggiuntive».Concluso al Govone il primo anno del liceo a curvatura biomedica 1
Sono un centinaio i licei a curvatura biomedica presenti in Italia e per il secondo anno questa possibilità è stata aperta anche ai classici. A caratterizzare questo indirizzo, sono le lezioni tenute da medici del territorio, in questo caso dell’Asl Cn2. Come coordinatore medico, il chirurgo dell’Asl Cn2 Sebastiano Cavalli, ha ringraziato i ragazzi «per il grande impegno con cui hanno partecipato alle lezioni e ai medici che si sono resi disponibili, nonostante le difficoltà legate alla pandemia».
Presente alla cerimonia anche il presidente della Regione Alberto Cirio e il sindaco di Alba Carlo Bo, che hanno consegnato le certificazioni di fine percorso ai ragazzi. Nella parte finale della mattinata, sono state consegnate anche le borse di studio agli studenti meritevoli del classico Govone e dell’artistico Gallizio, assegnate da enti e realtà del territorio. Hanno ricevuto i premi anche i ragazzi vincitori di diversi concorsi nazionale, senza dimenticare i diplomi agli studenti dell’indirizzo internazionale, altro percorso d’eccellenza del classico albese.
Francesca Pinaffo
Banner Gazzetta d'Alba