Tre condanne con rito abbreviato per i pusher attivi fra Cuneo e Savigliano

Minaccia di morte la giovane compagna: denunciato un astigiano

CUNEO Sono stati condannati tutti e tre, al termine del processo con rito abbreviato celebrato nel Tribunale del capoluogo, gli spacciatori arrestati dagli agenti della Squadra mobile, nell’ambito dell’operazione “Taxi diablo” , portata a termine lo scorso giugno.

Si tratta di una giovane coppia di origini dominicane di 30 e 34 anni e di un connazionale di 27 anni, che li riforniva: nei confronti dei due coniugi, i magistrati cuneesi hanno emesso condanne pari a 4 anni e 8 mesi e 5 anni e 4 mesi; 7 anni e 2 mesi per il fornitore, tenuto a versare anche 30mila euro di sanzioni, le stesse applicate anche alla coppia, che dovrà pagare una maxi ammenda da 42mila euro.

Le indagini degli uomini della Questura avevano permesso di acclarare come gli spacciatori, usi a spostarsi a bordo di un suv, fossero attivi fra Cuneo e Savigliano, nel recapitare la droga, per lo più cocaina, a casa degli acquirenti: le perquisizioni personali e della loro abitazione avevano condotto al rinvenimento di settanta grammi di stupefacente, in parte già confezionata in dosi e pronta allo smercio.

Davide Gallesio

Banner Gazzetta d'Alba