Fissata la data per l’interrogatorio di garanzia dell’ex sindaco Renato Maiolo

Fissata la data l'interrogatorio di garanzia per l'ex sindaco Renato Maiolo

SANTO STEFANO ROERO Avranno luogo mercoledì 7 luglio ad Asti, dinnanzi al Giudice per l’udienza preliminare Francesca Di Naro gli interrogatori di garanzia per l’ex sindaco Renato Maiolo, la segretaria comunale Anna De Napoli, l’architetto Cinzia Gotta e del geometra Giovanni Careglio di Corneliano, raggiunti, il 29 giugno dalle ordinanze di custodia cautelare, emesse dalla Procura di Asti, in relazione alle indagini sullo sperpero di denaro pubblico che avrebbe condotto, fra l’altro, al dissesto economico il comune roerino, commissariato dal settembre 2020.

Due degli imputati, il settantenne Renato Maiolo, sindaco di Santo Stefano fino al 2019 e Cinzia Gotta (in passato sindaco di Baldissero) sono difesi dal legale albese Roberto Ponzio. «Stiamo esaminando la documentazione depositata a fondamento dell’ipotesi accusatoria», spiega l’avvocato «sin d’ora si può rilevare l’insussistenza delle esigenze cautelari a fondamento dei domiciliari: la reiterazione del reato e il rischio di inquinamento delle prove. Il Comune è commissariato dal 2020, fatto che esclude la possibilità di iterazioni delle condotte contestate mentre l’ampiezza dell’attività di inchiesta, con le perquisizioni e sequestri eseguiti esclude rischi di alterazioni degli elementi probatori».

E, riguardo ai propri assistiti, Ponzio conclude: «Non mi pare che sia stato preso in considerazione il fatto che entrambi sono incensurati: nel caso di Renato Maiolo, un uomo di 72 anni si tratta della condotta di una vita, Cinzia Gotta, invece, è incolpata di un solo episodio, peraltro risalente al 2018. La misura cautelare   diventa quindi l’anticipazione di una pena futura del tutto eventuale: ricorreremo al Tribunale del riesame per chiedere la revoca degli arresti domiciliari»

Davide Gallesio 

Banner Gazzetta d'Alba