In arrivo 194 nuovi posti per le cure palliative in tutto il Piemonte

Covid: Piemonte cerca 500 posti per i ricoveri, ipotesi Torino esposizioni

TORINO Su proposta dell’assessore alla sanità del Piemonte, Luigi Genesio Icardi, stamattina (2 luglio) la Giunta regionale ha portato a 384 lo standard regionale dei posti letto negli hospice, a copertura del fabbisogno dei pazienti oncologici e non oncologici: 11 tra questi nuovi posti sono previsti nelle due Asl della Granda.

Gli hospice assicurano l’assistenza medica e infermieristica e la presenza di operatori tecnici dell’assistenza sette giorni su sette, sulle 24 ore, e dispongono di protocolli formalizzati per il controllo del dolore e dei sintomi, per la sedazione, l’alimentazione, l’idratazione e di programmi formalizzati per l’informazione, la comunicazione e il sostegno al paziente e alla famiglia, l’accompagnamento alla morte e l’assistenza al lutto, l’audit clinico ed il sostegno psico‐emotivo all’equipe.

«Per garantire adeguatamente l’attuale fabbisogno assistenziale in materia di cure palliative – spiega l’assessore Icardi – abbiamo aumentato dello 0,5 l’attuale standard di un posto letto hospice ogni 56 deceduti per tumore. La legge definisce il percorso assistenziale in materia di cure palliative e terapia del dolore tutelando il diritto del cittadino ad accedere a tali forme di assistenza nell’ambito dei livelli essenziali, a totale carico del Servizio sanitario nazionale. Vanno garantiti il rispetto della dignità e dell’autonomia della persona, il bisogno di salute, l’equità nell’accesso all’assistenza, la qualità delle cure e la loro appropriatezza riguardo alle specifiche esigenze. Attualmente i posti letto hospice già operativi in Piemonte sono 190, ai quali aggiungiamo 115 posti già in programmazione, ed ulteriori 79 posti che verranno messi a bando a completamento del fabbisogno, equamente distribuiti in base ai parametri del territorio. È uno sforzo necessario e doveroso per assicurare i fondamentali diritti alle persone nella fase terminale della vita».

In particolare i nuovi posti letto hospice già in programmazione saranno 86 in provincia di Torino (Asl Città di Torino, Asl To3, Asl To4, Asl To5, Città della Salute, Azienda ospedaliera San Luigi di Orbassano, Azienda ospedaliera Mauriziano di Torino, Presidio Gradenigo di Torino, Presidio Cottolengo di Torino e Irccs di Candiolo), 8 in provincia di Alessandria (Asl Alessandria), 9 in provincia di Asti (Asl Asti), 1 in provincia di Novara (Asl Novara e Azienda ospedaliera Maggiore Carità) e 11 in provincia di Cuneo (Asl Cn1 e Asl Cn2). I restanti 79 posti verranno messi a bando, a completamento del fabbisogno nelle province carenti.

La programmazione dei posti letto in hospice sarà coerente con i livelli essenziali e uniformi di assistenza, fermo restando che l’autorizzazione, l’accreditamento e la contrattualizzazione di tali posti dovranno necessariamente avvenire, fatte salve le procedure in corso, nel rispetto della programmazione sanitaria regionale e degli obiettivi economico-finanziari assegnati alle singole aziende sanitarie regionali.

Banner Gazzetta d'Alba