Imprese in difficoltà e fallimento: 15 anni di riforme

Pena ridotta per l'uxoricida braidese

ALBA Sabato 20 novembre nel teatro Giorgio Busca di Alba si svolgerà il XXVIII convegno nazionale di studi (promosso dall’Associazione albese studi di diritto commerciale, sul tema del diritto fallimentare) dal titolo “Ce lo chiede l’Europa. Dal recupero dell’impresa in difficoltà agli scenari post pandemia: 15 anni di riforme”.
I lavori saranno aperti alle ore 8.45 dai saluti istituzionali. Alle 9.30 è prevista la relazione introduttiva di Luciano Panzani, nella quale il già presidente della Corte d’appello di Roma riassumerà 15 anni di riforme, tra tutela dei creditori e tutela del mercato.
Tra i relatori, invitati dall’associazione presieduta dal professor Gino Cavalli, figurano illustri nomi italiani ed europei, come Giorgio Corno, Massimo Fabiani, Silvia Giacomelli, Giorgio Lener, Marcello Messori, Stefania Pacchi, Ilaria Pagni, Alida Paluchowski, Christoph Paulus, Sandro Pettinato, Riccardo Ranalli, Raffaello Ruggieri, Paola Severino, Lorenzo Stanghellini, Andreas Stein, Robert Van Galen e Mauro Vitiello.
Luciano Panzani anticipa: «Saranno molti e di grande attualità i temi dibattuti nel convegno di Alba. Da segnalare in modo particolare l’intervento di Andreas Stein, head of unit della Dg Justice della Commissione europea, sull’adeguamento dell’Italia alla direttiva, e quelli di Robert Van Galen e Christoph Paulus che spiegheranno le analoghe riforme, sempre in attuazione della direttiva, di Olanda e Germania. La presidente della commissione di riforma, Ilaria Pagni, e diversi membri della commissione, faranno il punto sulla prima imminente attuazione della composizione negoziata. Altri temi caldi, direttamente interessati dal lavoro di adeguamento del codice della crisi, riguarderanno il sindacato del giudice su proposta e piano di concordato e il controverso istituto della relative priority rule, che potrebbe modificare i tradizionali princìpi in base ai quali l’attivo viene ripartito tra i creditori. Paola Severino, vicepresidente dell’università Luiss Guido Carli, già ministro della giustizia, tratterà il tema della riforma dei reati fallimentari. Il testo della legge è fermo al 1942, quando in caso di crisi non vi erano alternative al fallimento, e i valori tutelati sono per molti versi del tutto sganciati dalle esigenze attuali».
II lavori del convegno si potranno seguire: in presenza sino a concorrenza dei posti disponibili nel rispetto delle disposizioni di contenimento dell’emergenza epidemiologica; in diretta streaming sul sito www.associazioneal besestudididirittocommer ciale.it per chi non necessita di crediti formativi; per chi ha bisogno di crediti formativi sulla specifica piattaforma dedicata, che verrà comunicata a ridosso della data a chi si iscriverà. La partecipazione è gratuita e sarà sufficiente preiscriversi, compilando il modulo sul sito www.associazionealbesestudididirittocommerciale.it, da dove è anche scaricabile il programma completo del convegno.

Banner Gazzetta d'Alba