Per mettere al sicuro Sommariva Perno si comincerà con il rio Mellea

Per mettere al sicuro Sommariva Perno si comincerà con il rio Mellea
Il tratto della provinciale dove sarà migliorato il deflusso delle acque.

SOMMARIVA PERNO Sono giunti al termine i lavori di progettazione del duplice intervento di miglioramento della regimazione delle acque che l’Amministrazione di Sommariva Perno ha posto come prioritario per rendere il paese più sicuro. L’opera costituisce il primo lotto di lavori di un progetto molto più ampio, che il Comune vorrebbe portare a termine nei prossimi anni, per una spesa complessiva di un milione e 600mila euro.

Il primo lotto di interventi (circa un milione di euro) prevede la messa in sicurezza delle sponde del torrente Mellea per un tratto di 710 metri e alcuni lavori nel concentrico. Le azioni che interessano il Mellea includono operazioni preliminari (diradamento della vegetazione, riprofilatura spondale e dell’alveo), realizzazione di opere idrauliche lungo il fondo dell’alveo e di difesa mediante scogliere in massi e consolidamento della sommità della sponda con la posa di una rete in fibra di iuta. La perizia geologica ha avuto esito positivo e i lavori sono pronti a partire. L’altro insieme di interventi nel centro abitato riguarderà il tratto della provinciale da via dei Giardini alla chiesetta di San Rocco. Qui, verrà costruita una nuova arteria per la raccolta delle acque (di portata circa tre volte maggiore di quella esistente), che consentirà di far defluire più rapidamente l’acqua piovana, evitando allagamenti che possono danneggiare le abitazioni circostanti, come è successo frequentemente in passato.

Piazza Torino, dove un tempo c’era un piccolo laghetto di raccolta, costituisce un naturale bacino di confluenza delle acque piovane. «Il progetto serve a decongestionare piazza Torino e l’area circostante, attraverso la ricostruzione della conduttura per la raccolta delle acque che gravitano sul concentrico. Inizialmente si era pensato di rinforzare anche i muri di contenimento del rio che passa dietro al cimitero, coprendone la superficie per destinarla a una pista ciclabile, ma questa possibilità è stata rimandata. Abbiamo preferito investire prioritariamente sulla condotta per la raccolta delle acque, necessaria per la sicurezza degli abitanti», ha dichiarato il sindaco Walter Cornero.

Dopo questo primo lotto di lavori si interverrà proseguendo con la conduttura per altri 150 metri dopo la chiesetta di San Rocco. I danni idrogeologici registrati negli ultimi anni ribadiscono la priorità di questi cantieri, che saranno finanziati con i fondi per il dissesto idrogeologico messi a disposizione dalla legge di bilancio. I lavori relativi al rio Mellea saranno presumibilmente i primi a partire.

Federico Tubiello

 

Banner Gazzetta d'Alba