Bosia, nella festa della Liberazione, ha ricordato don Luigi Berrone

Bosia, nella festa della Liberazione, ha ricordatodon Luigi Berrone 1

A BOSIA la ricorrenza della Festa della Liberazione si è tenuta nel tardo pomeriggio di sabato 23 aprile. Nella chiesa parrocchiale dedicata a San Nazario è stata celebrata una Messa in onore di tutti i caduti per la libertà, in modo particolare è stato ricordato don Luigi Berrone, giusto tra gli albesi. Questo riconoscimento gli è stato attribuito dall’Associazione del beato padre Giuseppe Girotti, presieduta da Renato Vai, perché durante la seconda guerra mondiale, con vari gesti eroici, aveva contribuito a salvare famiglie di ebrei e aveva dato degna sepoltura ai partigiani morti, ben sapendo il rischio cui andava incontro.

Bosia, nella festa della Liberazione, ha ricordatodon Luigi Berrone
Don Luigi Berrone

Al termine della Messa, Renato Vai ha ricordato la figura del sacerdote nato a Niella Belbo nel 1910 e morto ad Alba nel 1991, dopo essere stato parroco di Bosia per 48 anni, dal 1943 al 1991.

Nella piazza davanti alla chiesa parrocchiale è stata scoperta una targa recante la scritta: Canonico Berrone don Luigi-Giusto tra gli albesi. Al vicino monumento è stata deposta una corona in onore dei caduti, mentre alla lapide presso lo sferisterio comunale sono stati ricordati i fratelli Onorio e Valerio Rettegno.

Fabio Gallina

Banner Gazzetta d'Alba