Alba: il liceo Govone mette in scena Rumors al Sociale

Piemonte, slitta deroga capienza cinema e teatri
Doppia sala Teatro Sociale Alba Ph. Bruno Murialdo

LO SPETTACOLO Venerdì 27, alle 21, al teatro Sociale di Alba andrà in scena lo spettacolo del liceo Govone ispirato al dramma Rumors di Neil Simon, drammaturgo e sceneggiatore americano contemporaneo, noto soprattutto per le trasposizioni cinematografiche di alcuni suoi capolavori. Siamo nel salotto borghese di casa Brook a New York, dove i proprietari di casa hanno invitato i loro amici per il loro decimo anniversario di matrimonio. Ma gli invitati rimangono soli visibilmente imbarazzati e confusi. Si aggiungono a poco a poco gli altri ospiti e segue una serie di equivoci e di goffi tentativi di nascondere l’accaduto: ciascuno cerca di proteggere la propria reputazione. Assistiamo così a un trionfo di personaggi ansiosi ed eccentrici in una commedia scritta per far divertire l’intero teatro e ammiriamo da lontano, con una grande dose d’ironia, quattro coppie raccontate da Neil Simon in un’opera teatrale che fa della realtà quotidiana un’opera d’arte.

Il regista Luca Franchelli, che gestisce il laboratorio teatrale degli studenti del Govone con la collega Barbara Pereno, racconta: «Nella primavera del 2020 Rumors era pronto per andare in scena, ma abbiamo dovuto aspettare due anni per presentarlo. Con nuovi interpreti ci siamo impegnati nella costruzione dello stesso lavoro, anche nella speranza di dividere l’applauso con chi si era tanto impegnato, senza avere la possibilità finalizzare il lavoro di prova. Rumors rappresenta un classico del teatro leggero, con il suo meccanismo perfetto costruito per esaltare il lavoro di nove attori che non potranno distrarsi mai. Un esame insidioso per le nostre cinque attrici e per i nostri quattro attori, arrivati alla messinscena dopo mesi di prova massacranti. Ma nessuno si è tirato indietro e ognuno di loro ha cercato di impegnarsi per raggiungere un traguardo ottenibile soltanto concentrandosi al massimo e aiutando i compagni sul palco».

Il preside Roberto Buongarzone sottolinea il valore formativo del teatro di Franchelli, un regista-professore che riesce a trasformare reticenze e insicurezze dei suoi giovani attori in punti di forza, espressività e sicurezza interpretativa. In questo senso, il mestiere di regista assomiglia e si integra con quello del professore, capace di motivare e di trascinare i suoi studenti con la forza di un sapere appassionato. Gli studenti-attori acquisiscono così una padronanza di sé che li accompagnerà per il resto della loro vita, come il ricordo di questa loro esperienza liceale, solo apparentemente collaterale e in realtà centrale nella loro formazione.

L’ingresso sarà libero senza prenotazione fino ad esaurimento posti.

 

 

 

 

Banner Gazzetta d'Alba