Ultime notizie

Domenica 4 settembre si corre il tradizionale Palio di Asti

Foto di repertorio
Foto di repertorio

ASTI Il 4 settembre si torna a correre il Palio di Asti, la tradizionale corsa a pelo, senza sella, della centralissima piazza Alfieri. Come da circa 750 anni, ventuno cavalli con i loro fantini, in rappresentanza di altrettanti borghi, rioni e comuni, si sfideranno per aggiudicarsi la gloria e l’ambito drappo, sogno a cui aspirano tutti i concorrenti e che quest’anno è opera del pittore astigiano Silvio Volpato. Il grande drappo di velluto, dal valore inestimabile, è simbolo di appartenenza e di legame tra presente e passato ed è decorato con le insegne di Asti.

In questa occasione sarà conteso tra: i Comuni di Baldichieri, Castell’Alfero, San Damiano, Montechiaro, Canelli, Nizza Monferrato e Moncalvo. A partecipare saranno anche i rioni San Secondo, San Paolo, San Silvestro, San Martino e San Rocco, Santa Caterina e Cattedrale e i borghi di San Marzanotto, Santa Maria Nuova, Torretta, Viatosto, San Pietro, Tanaro Trincere e Torrazzo, San Lazzaro e Don Bosco.

La giornata del Palio, sarà la conclusione di un fine settimana ricco di eventi. La manifestazione avrà inizio giovedì primo settembre sotto al balcone di Palazzo civico con la presentazione pubblica dei fantini e con l’estrazione a sorte delle batterie. Giovedì sarà anche il giorno di inizio del tradizionale mercatino del Palio di piazza San Secondo, in cui ogni comitato offrirà oggetti artigianali realizzati per l’occasione e confezionati con i colori del borgo e che si concluderà il sabato. Venerdì 2 e il sabato 3 sarà la volta delle cene propiziatrici. Le lunghe tavolate preparate nelle vie e nelle piazze della città e dei dintorni proporranno i piatti della tradizione piemontese con ricette e sapori medievali.

Protagonista della giornata di sabato sarà anche il corteo dei bambini. Mille figuranti, dai cinque ai quindici anni, sfileranno da piazza Cairoli a piazza Alfieri in costume medievale per assistere alle prove in pista dei cavalli. Si arriverà così alla giornata di domenica con il vero protagonista: il Palio. Dopo la benedizione del cavallo e del fantino nelle chiese cittadine la mattinata si concluderà con l’esibizione degli sbandieratori dell’Asta. Si prosegue alle 14  con la sfilata storica del Palio, il corteo composto da 1200 figuranti rievocherà la storia medievale della città. I costumi realizzati per l’occasione da sartorie teatrali, sono fedeli riproduzioni d’epoca.

Domenica 4 settembre si corre il tradizionale Palio di Asti 1

Alle 16 il mossiere darà il via alla competizione facendo cadere il canapo. La gara sarà organizzata in tre batterie, ciascuna con sette cavalli, e una finale a nove che si correrà intorno alle 18. I cavalli si sfideranno, come da tradizione, in una corsa composta da tre giri su una pista formata da sabbie astigiane e lunga 450 metri.

Asti aspetta migliaia di turisti, appassionati e curiosi per una delle feste popolari più suggestive del territorio nazionale che unisce la città e i borghi circostanti. Sarà l’occasione per vivere un’esperienza unica tra storia e tradizione, tornando indietro nel tempo fino al 1275, anno in cui si corse il primo Palio vicino alle mura della città nemica di Alba. Negli anni l’evento si è evoluto rimanendo legato alle tradizioni. Si svolgerà nella più profonda cura e rispetto dei suoi protagonisti: cavalli, fantini e spettatori.

Per maggiori informazioni consultare il sito https://visit.asti.it/. È inoltre possibile contattare la biglietteria al numero 0141-39.90.57 o 0141-39.90.40 o scrivere a biglietteriapalio@comune.asti.it. I biglietti sono in vendita da oggi, martedì 2 agosto.

Elisa Rossanino

Banner Gazzetta d'Alba