Ultime notizie

Novi e Coldiretti firmano un accorto per la filiera della nocciola Piemonte

Novi e Coldiretti firmano un accorto per la filiera della nocciola Piemonte

NOCCIOLE Siglato tra Coldiretti Piemonte e il gruppo dolciario Novi Elah Dufour l’accordo quadro per la valorizzazione della nocciola del Piemonte. Un progetto di filiera che consente di valorizzare tutta la produzione corilicola piemontese, offrendo una prospettiva di medio periodo agli imprenditori agricoli. Sono intervenuti, presso la sede di Coldiretti Piemonte a Torino, Cristina Brizzolari, presidente di Coldiretti Piemonte, Mauro Bianco, presidente di Coldiretti Alessandria e membro di giunta di Coldiretti Piemonte con delega territoriale al settore corilicolo, Bruno Rivarossa, delegato confederale, Guido Repetto, presidente del gruppo Elah Dufour Novi, e Giovanni Brusasca, presidente di Monferrato frutta, cooperativa che farà da collante. All’incontro hanno anche partecipato il presidente di Coldiretti Cuneo Enrico Nada e il direttore Fabiano Porcu.

Il comparto corilicolo piemontese conta 2mila  aziende con 27mila ettari di superficie coltivata per una produzione totale di circa 200mila quintali e quasi 80 milioni di euro di fatturato. La Provincia di Cuneo è particolarmente vocata alla produzione di nocciole tanto che sono ben 1.300 le aziende cuneesi a coltivarle su una superficie di 13mila ettari, per una produzione totale media di 140mila quintali.

In 10 anni la superficie coltivata è aumentata dell’80 per cento

«Il comparto corilicolo piemontese sta crescendo tanto che in 10 anni la superficie coltivata è aumentata dell’80%. La qualità della Tonda gentile trilobata è assoluta, le sue caratteristiche ne fanno un prodotto di pregio apprezzato e ricercato. Il nostro impegno deve essere quello di offrire l’eccellenza assoluta e questo accordo di filiera va proprio in quella direzione», dichiara Enrico Nada, presidente di Coldiretti Cuneo.

«Un accordo quadro che sancisce l’unione con l’agroindustria virtuosa, quella che vuole investire sul territorio e consolidarne il legame», spiega il direttore di Coldiretti Cuneo Fabiano Porcu. «Un sostegno alla corilicoltura e alle imprese che credono nelle produzioni di qualità, impegnandosi col loro lavoro a preservare i territori».

«Rinnoviamo per altri 5 anni un accordo di filiera, esteso ora in tutto il Piemonte», è stato il commento di Guido Repetto, presidente del gruppo Elah Dufour Novi. «Da quando rilevammo Novi, nel 1985, con l’obiettivo di trasformarla in azienda leader, abbiamo sempre creduto nell’avvicinamento dei produttori locali di nocciole per i nostri prodotti, e questo è il filo che ci lega a Coldiretti. Per noi l’azienda deve essere espressione del territorio, delle persone che lo rappresentano e delle materie prime che può offrire: se pensiamo alla nocciola, quindi, pensiamo alla nocciola del Piemonte».

Banner Gazzetta d'Alba