Nidi e scuole dell’infanzia, 240 mila euro per la provincia di Cuneo

TORINO Via libera dalla Regione all’elenco dei nidi, comunali e convenzionati, delle scuole dell’infanzia, statali o paritarie, che beneficeranno dei contributi per le sezioni primavera, necessarie per accogliere i bambini dai 24 ai 36 mesi. 96 in tutto le sezioni finanziate, tra cui tre nuove attivazioni: a Torino presso la scuola dell’infanzia “Bonacossa” e a San Mauro Torinese presso la scuola dell’infanzia “Benedetto” e nel cuneese a Boves presso la scuola monsignor Calandri. L’investimento complessivo è di 1,6 milioni di euro, di cui un milione di euro stanziato dalla Regione Piemonte e 600 mila euro dal Ministero dell’Istruzione .

«La Regione Piemonte è la sola in Italia a essere intervenuta con proprie risorse per compensare il taglio ministeriale», sottolinea l’assessore regionale all’istruzione Alberto Cirio, «Lo scorso anno questo bando è addirittura partito solo in Piemonte, interamente coperto dalla Giunta con 1,5 milioni di euro recuperati dai nostri fondi Fas per le aree sottoutilizzate, e quest’anno siamo ancora una volta l’unica Regione ad aver garantito un investimento importante aggiungendo ai 600 mila euro del Ministero un milione di euro di risorse regionali. Un impegno forte, consapevoli di quanto questo servizio sia fondamentale per le giovani famiglie e del danno che la chiusura di un nido o di una sezione di scuola dell’infanzia produrrebbe sul nostro territorio. Proprio per garantire maggiore continuità al servizio abbiamo deciso, inoltre, che le scuole in graduatoria quest’anno avranno diritto automaticamente al contributo anche per il 2014/2015: sarà sufficiente presentare una richiesta semplice alla Regione, senza quindi ripartecipare al bando che sarà attivato, invece, solo per le nuove sezioni. L’investimento in tutto, già garantito in bilancio, sarà di 1,6 milioni di euro anche per il prossimo anno scolastico».

Sono state accolte tutte le domande delle scuole in possesso dell’autorizzazione al funzionamento rilasciata dall’Asl:

  • 11 in provincia di Alessandria per un contributo totale di 196 mila euro;
  • 11 in provincia di Asti per un contributo totale di 172 mila euro;
  • 11 in provincia di Biella per un contributo totale di 141 mila euro;
  • 13 in provincia di Cuneo per un contributo totale di 240 mila euro;
  • 10 in provincia di Novara per un contributo totale di 145 mila euro;
  • 31 in provincia di Torino per un contributo totale di 555 mila euro;
  • 3 nel VCO per un contributo totale di 38 mila euro;
  • 6 in provincia di Vercelli per un contributo totale di 110 mila euro.

Il finanziamento per ogni sezione è proporzionato al numero dei bambini e alla durata del servizio giornaliero:

  NUMERO BAMBINI

ORARIO DA 5 A 6 ORE

ORARIO DA 7 A 9 ORE

6–9 bambini Euro 7.048 Euro 8.458
10–14 bambini Euro 12.687 Euro 15.506
15–20 bambini Euro 17.621 Euro 21.145

 

Il contributo copre le spese relative a:

  • realizzazione interventi strutturali di adeguamento locali e impianti, necessari alla funzionalità del servizio;
  • acquisto arredi, attrezzature e materiale didattico;
  • costi per il personale utilizzato;
  • spese generali strettamente funzionali al servizio.
Banner Gazzetta d'Alba