Al Pavese festival, teatro, danza e gli Avion travel

Nella notte tra il 26 e il 27 agosto 1950 la morte di Cesare Pavese

SANTO STEFANO BELBO. Il Pavese festival prosegue sabato 1° settembre. Dalla sede della fondazione Cesare Pavese, in piazza Confraternita, è prevista una passeggiata “Sul palcoscenico hai danzato per me”, a cura dell’associazione Nuove rotte e Daniela Febino. Nella chiesa dei Santi Giacomo e Cristoforo sarà inaugurata la mostra fotografica “Cesare Pavese e i suoi luoghi”. In serata ci sarà lo spettacolo Prigioniero. Antonio Gramsci, racconto teatrale multimediale di Laurana Lajolo, interpretato e diretto da Aldo Delaude.

Domenica 2 settembre la passeggiata pavesiana tra cortili, sentieri ed effetti sonori a cura di Elena Zegna precederà il concerto degli Gnu quartet.

Nel fine settimana successivo sabato 8 settembre una performance di teatro-danza, omaggio a Tezer Ozlù del collettivo Scirò in collaborazione con Inpoetica sarà il prologo della serata musicale con il nuovo disco di Musica nuda. Domenica 9 settembre, al termine della giornata con visita dei luoghi pavesiani in bici, l’annullo filatelico per i 110 anni dalla nascita di Pavese e lo spettacolo teatrale Amunì, una storia di figli in attesa del padre dell’associazione Voci erranti con i detenuti del carcere di Saluzzo, sarà il momento degli Avion travel. Peppe Servillo alla voce, Mario Tronco alle tastiere, Duilio Galioto al piano e tastiere, Peppe D’Argenzio al sax, Ferruccio Spinetti al contrabbasso e Mimì Ciaramella alla batteria daranno vita al concerto più atteso, con ingresso gratuito.

Per informazioni si può telefonare al 366-75.29.255.

Fabio Gallina

Banner Gazzetta d'Alba