Bra: al santuario si ricorda l’apparizione a Egidia Mathis

Don Gian Carlo Avataneo alla guida del santuario della Madonna dei Fiori

BRA È tempo di festa dell’apparizione al santuario della Madonna dei fiori di Bra. Il 29 dicembre 1336 è una data che ha cambiato la devozione alla Madonna in terra braidese. Una giovane sposa, Egidia Mathis, stava tornando verso la città che ai tempi era sulla collina sopra l’attuale chiesa di Sant’Andrea e giunta nei pressi di un pilone dedicato alla Vergine pur se prossima al parto si fermò come era solita fare al rientro in città. All’arrivo di due soldati di ventura, con cattive intenzioni nei suoi confronti, la giovane Egidia invoca la Madonna che con una luce sconvolge e fa fuggire i due soldati. Ma non finisce qui. La tradizione racconta della maternità di Egidia e come scrive don Giovanni Dell’Orto, compianto rettore del Santuario: «I numerosi cespugli di pruni selvatici che lo circondavano erano improvvisamente fioriti e le candide corolle occhieggiavano nell’ombra della sera quasi a cantare le lodi della Madonna che aveva scelto la terra braidese come luogo privilegiato per la sua apparizione».

Nuovo portale per il santuario della Madonna dei fiori a Bra

Fioritura che ogni anno nel suo mistero si ripete, così come quest’anno già iniziata a metà del mese di novembre. Quest’anno ci sarà anche un evento particolare proprio il giorno della festa, sabato 29 dicembre: l’inaugurazione del nuovo portale nel nuovo Santuario, composto da formelle di bronzo che narrano i principali episodi della vita di Maria.

La festa dell’apparizione sarà preceduta come sempre da un triduo di preparazione. Mercoledì 26 dicembre messe nel Santuario nuovo: al mattino alle 9 e alle 10.30; alle 17 rosario e alle 17.30 Messa con il predicatore del triduo don Pierangelo, rettore del Santuario di Cussanio a Fossano; giovedì 27 dicembre: ore 9 e 10.30 le messe nell’antico Santuario; al pomeriggio nel Santuario Nuovo, alle 17 rosario e alle 17.30 Messa con il predicatore del triduo don Pierangelo; venerdì 28 dicembre, messe alle 9 nel Santuario antico poi segue la giornata di Federvita con alle 10 la celebrazione delle lodi e alle 10.30 la Messa; alle 17 rosario e alle 17.30 Messa con il predicatore del triduo don Pierangelo. Alle 21 concerto del coro giovani di Carmagnola. Sabato 29 dicembre solenne festa dell’apparizione della Madonna a Egidia Mathis. Inaugurazione della nuova facciata del Santuario nuovo.  Alle 10.30 benedizione del nuovo portale e mosaico, concelebrazione presieduta da monsignor Marco Prastaro, vescovo di Asti; alle 15.30 Messa per anziani e ammalati, alle 16.45 rosario meditato; alle 17.30 Messa del Rettore per rettori e benefattori defunti. Alle 21 concerto a cura delle Sorelle della trasfigurazione e presentazione tematica e biblica del nuovo portale.

Lino Ferrero

Banner Gazzetta d'Alba