Cerimonia a Cuneo per i 245 anni della Guardia di Finanza

Cerimonia a Cuneo per i 245 anni dalla Guardia di Finanza

CUNEO  Le Fiamme gialle di Cuneo, alla presenza del comandante provinciale colonnello Massimiliano Pucciarelli e di una rappresentanza di ispettori, sovrintendenti, appuntati e finanzieri che prestano servizio nel capoluogo nonché di una delegazione della locale sezione Anfi hanno celebrato alla caserma  Cesare Battisti il 245° anniversario della fondazione della Guardia di Finanza. Il colonnello Pucciarelli ha dato lettura del messaggio indirizzato alla Guardia di finanza dal Presidente della Repubblica.

Il piano d’azione predisposto dai vertici del Corpo prevede che l’azione delle Fiamme gialle sia diretta al contrasto dell’evasione e dell’elusione fiscale, degli illeciti in materia di spesa pubblica, assicurando nel contempo interventi anche nei comparti diretti alla lotta alla contraffazione ed alla commercializzazione di prodotti non sicuri o dannosi per la salute dei cittadini-consumatori.  Nell’ultimo anno e mezzo sono state eseguite 1.044 ispezioni fiscali e  sono stati individuati 138 evasori totali. Inoltre, nell’attività di contrasto al fenomeno del lavoro nero sono stati individuati 99 datori di lavoro non in regola con le norme del settore e sono state fatte emergere 236 posizioni lavorative irregolari, di cui 112 completamente sconosciute agli enti previdenziali e assistenziali. Il maggior impiego di lavoratori irregolari è stato contestato a imprese operanti nel settore dell’agricoltura ed in quello della ristorazione. Per i reati fiscali relativi all’emissione e utilizzazione di fatture per operazioni inesistenti e dichiarazione fraudolenta sono state denunciate di 85 persone.

Per quanto concerne il  presidio del territorio e della sicurezza stradale, sono state impiegate 2.310 pattuglie, che hanno controllato 12.997 persone e mosso 537 contestazioni per infrazioni al codice della strada, procedendo al ritiro di 33 patenti.

Infine, i militari della Stazione di soccorso alpino (Sagf) hanno operato decine di interventi in montagna, recuperando 13 persone decedute e 15 persone infortunate sulle piste da sci e alpinisti o escursionisti in difficoltà.

Banner Gazzetta d'Alba