Tassa rifiuti 2020, Alba sposta l’acconto al 30 settembre e il saldo al 1° dicembre

«Alba partecipi al premio Comuni virtuosi»
Immagine d'archivio.

ALBA L’Amministrazione comunale albese ha annunciato le nuove scadenze 2020, posticipate di due mesi rispetto allo scorso anno, per il pagamento della Tari, la tassa sui rifiuti.

Il versamento dovrà essere fatto in due rate: entro il 30 settembre l’acconto pari al 60% del tributo, calcolato con le tariffe dell’anno precedente sulla base imponibile dell’anno in corso (non più entro il 31 luglio); entro il 1° dicembre il saldo del 40% calcolato con le tariffe dell’anno in corso (non più entro il 30 settembre).

Gli uffici comunali provvederanno a mandare gli inviti di pagamento con le cifre indicate, sia dell’acconto sia del saldo, in tempo utile per provvedere al versamento.

La scadenza del termine per la richiesta di applicazione della riduzione correlata all’Isee, per l’anno 2020, è posticipata al 30 settembre.

L’assessore al bilancio, Bruno Ferrero spiega: «I tempi si sono dilatati e solo nei giorni scorsi il Coabser ha approvato il Piano finanziario e, di conseguenza, le tariffe domestiche che rappresentato il 55% delle utenze e quelle non domestiche, il restante 45%. Ai cittadini non verrà più chiesto il versamento in due rate di uguale importo, di cui la prima a luglio e la seconda a settembre. Quest’anno il primo pagamento, pari al 60% della cifra, dovrà essere effettuato entro settembre, il secondo del 40 %, monitorato dall’Arera, l’Autorità di regolazione per energia reti e ambiente, sarà riscosso entro il primo dicembre».

Banner Gazzetta d'Alba