Iniziati i lavori per riportare l’atrio del castello di Govone ai colori originali

Iniziati i lavori per riportare l’atrio del castello di Govone ai colori originali

GOVONE È iniziata la settimana scorsa l’opera di restauro dell’atrio del castello reale che permetterà
di recuperare i colori originali dell’ambiente decorato a fine ’700 con pregiati stucchi e con i marmi provenienti dalla fontana d’Ercole di Venaria Reale. I lavori saranno coordinati dalla restauratrice Maria Helena Cully insieme a Beatrice Coppo e Ornella Prato e sono finanziati dalla fondazione Crc. Il progetto di valorizzazione è stato redatto da Monica Chiabrando e comprende anche il restauro di alcune statue. L’atrio è l’ultimo tassello del recupero del piano terra del castello, che ha visto dal 2015 la realizzazione di spazi espositivi oltre alla nuova biglietteria nei locali dell’ex asilo.

«Nonostante i problemi legati all’emergenza virus che hanno portato alla chiusura del castello per lunghi periodi e il ripensamento del percorso di visita per adeguarsi alle prescrizioni del Governo, i visitatori sono stati numerosi. Il numero di ingressi è stato uguale allo scorso anno nel medesimo periodo di apertura. Speriamo che il 2021 sia più fortunato e che le visite aumentino», ha dichiarato Luca Malvicino, il presidente dell’associazione Govone residenza sabauda.

Valentina Pavese

Banner Gazzetta d'Alba