Colpo di scena: per l’Anac la nomina all’Apro di Gionni Marengo è legittima

Scuole superiori: si ritorna in classe

ALBA Con la delibera numero 508 del 9 giugno 2021, l’Autorità nazionale anticorruzione ha stabilito l’insussistenza delle ipotesi di inconferibilità e incompatibilità per l’ex presidente di Apro formazione, il consigliere comunale Gionni Marengo.

Gionni Marengo
Gionni Marengo

Dopo i dubbi sollevati dall’opposizione e la segnalazione pervenuta all’Anac con riferimento al Dlgs 39/2013,  l’Amministrazione comunale e  Marengo – che ha preferito dimettersi dall’incarico per non causare alcuna difficoltà alla scuola di formazione professionale – hanno depositato le loro memorie.

Questa settimana l’Anac ha trasmesso la delibera adottata con cui ha stabilito «l’insussistenza, allo stato attuale, dell’ipotesi di inconferibilità di cui all’articolo 7 comma 2 lettera d del Dlgs 39/2013 dell’incarico di presidente della Apro formazione Scarl conferito a Gionni Marengo nei limiti di quanto sopra espresso in relazione al possesso di deleghe gestionali». Ha decretato anche «l’insussistenza, per le medesime ragioni, dell’ipotesi di incompatibilità di cui all’’articolo 13 comma  3».

«La delibera di Anac fa definitiva chiarezza sulla legittimità della scelta dell’Amministrazione di indicare il consigliere Gionni Marengo, peraltro solo dopo aver acquisito anche il parere di un professionista esterno», dichiara il sindaco Carlo Bo. «Mi fa piacere poter attestare il buon operato del Comune di Alba dopo le perplessità sollevate dall’opposizione e colgo l’occasione per ringraziare ancora una volta Marengo per l’ottimo lavoro svolto alla guida dell’Apro e anche per la decisione di lasciare l’incarico, dimostrando grande senso di responsabilità. Abbiamo designato in tempi stretti il nuovo presidente Paolo Zoccola che, insieme ai soci, al Cda e a tutta la squadra Apro, prosegue l’importante lavoro di quella che è un’eccellenza della nostra città e del nostro territorio».

Banner Gazzetta d'Alba