Truffatori arrestati dopo un lungo inseguimento a Samone

Cadavere carbonizzato trovato nei campi del Torinese

SAMONE Si qualificavano come dipendenti dell’acquedotto comunale ed appartenenti alla Polizia locale i due truffatori arrestati nella mattinata di ieri, giovedì 15 luglio, dai Carabinieri della Compagnia di Ivrea.

I militari dell’Arma sono infatti intervenuti in seguito alla segnalazione di un furto in abitazione: con la scusa di dover verificare la presenza di metalli nelle tubazioni, i
truffatori, due italiani di 39 e 43 anni, si erano introdotti nell’appartamento di un’anziana signora, rubando una cassaforte contenente denaro e gioielli. Immediato l’intervento dei Carabinieri, che hanno rintracciato i ladri in fuga sulla SP 222.

Dopo un lungo inseguimento, in prossimità del Comune di Banchette, i ladri hanno perso il controllo del mezzo, abbandonandolo: all’interno del veicolo, i militari hanno rinvenuto, oltre alla cassaforte (contenente contanti e preziosi per un valore complessivo superiore ai 50000 euro), il materiale necessario per introdursi nelle abitazioni
(attrezzi da scasso, pettorine e segni distintivi della Polizia Locale, parrucche, targhe, spray urticante).

Dennis Bellonio

Banner Gazzetta d'Alba