Svaligiavano case in Alta Langa: i Carabinieri arrestano due fratelli

Gettata e terra e ferita durante uno scippo: attimi di terrore in via Macrino

PRUNETTO I Carabinieri della compagnia di Alba li hanno arrestati mentre stavano svaligiando un’abitazione: a finire in manette due fratelli ventenni, originari del Torinese, ma residenti in un Comune dei Braidese. I due avevano ormai un modus operandi consolidato: sceglievano abitazioni isolate, per lo più seconde case (in alcuni casi hanno anche colpito case abitate mentre i residenti erano al lavoro), in luoghi isolati e sprovviste di impianti di videosorveglianza, quindi s’introducevano nei locali spaccando una finestra e razziavano l’immobile: in cima alle priorità c’erano gli attrezzi da giardinaggio come i decespugliatori, da rivendere attraverso ricettatori, ma anche cavi di rame staccati dagli impianti elettrici, porte e finestre ed elettrodomestici.

Nel complesso sono dodici i furti in abitazione ricondotti alla coppia, nei Comuni di Albaretto della Torre, Arguello, Cerretto Langhe, Cortemilia, Cravanzana, Sinio e Torre Bormida: a destare l’attenzione dei militari albesi erano state le denunce presentate dai residenti, per i colpi; durante l’ultimo, a Prunetto, i due fratelli sono stati notati da un vicino di casa che ha allertato i Carabinieri. I fermati si trovano, su richiesta della Procura di Asti accolta dal giudice per le indagini preliminari, agli arresti domiciliari, gravati da un’ordinanza di custodia cautelare. La refurtiva recuperata è già stata restituita ai proprietari che hanno sporto denuncia, un passaggio cruciale non soltanto per riottenere il materiale rubato, ma anche per fornire agli inquirenti indicazioni utili a ricostruire e stabilire collegamenti fra le condotte criminali.

Davide Gallesio

Banner Gazzetta d'Alba