Ultime notizie

Il giorno più caldo. Nell’astigiano superati i 40 gradi a Incisa Scapaccino

Il giorno più caldo. Nell'astigiano superati i 40 gradi a Incisa Scapaccino 1

CLIMA Nell’Astigiano superati oggi i 40 gradi. Lo rende noto Dati meteo Asti, secondo cui è Incisa Scapaccino, in Valle Belbo, la prima località a superare la soglia dei 40 gradi nell’estate 2023. Nel primo pomeriggio è stata rilevata una massima di 40,2.

Ma in molte altre località del Piemonte il termometro si sta avvicinando ai 40 gradi: alle 15.30 la stazione meteo di Arpa ha registrato 39.6 gradi a Nizza Monferrato (Asti); alla stessa ora 36,9 nel centro di Torino, ai Giardini Reali.

Il giorno più caldo. Nell'astigiano superati i 40 gradi a Incisa Scapaccino

Ad Alba la rete meteo di Arpa Piemonte, che riporta i dati sul sito Meteo 3r, indica una temperatura di 37,5 gradi alle ore 16, mentre a Bra sono stati raggiunti i 37,4  gradi alle 15.

Nel Roero la temperatura più alta è quella di Baldissero che è salita a 38,8 alle 16 mentre, nelle Langhe, a Castelletto Uzzone il termometro alle 15.30 indicava 37,4 e a Diano, Monforte e Somano si superavano i 35 gradi.

Le previsioni: salgono i capoluoghi con il bollino rosso

Situazione stabile in questi giorni con caldo e afa che continuano ad attanagliare l’Italia. Oggi (mercoledì 23) e domani sono 17 le citta che si aggiudicano il bollino rosso, cioè il massimo rischio caldo per tutta la popolazione.

Venerdì saranno addirittura 19, anche se, per la prima volta dopo diversi giorni, riappare il bollino verde per due città: Palermo e Cagliari che stando al bollettino sulle ondate di calore, tornano in una situazione di normalità. Secondo le valutazione del Ministero della salute, basato sui dati relativi a 27 città, l’allarme massimo riguarda Bologna, Bolzano, Brescia, Firenze, Frosinone, Genova, Latina, Milano, Napoli, Perugia, Rieti, Roma, Torino, Trieste, Venezia, Verona Viterbo. A queste il 25 agosto si aggiungeranno Bari e Campobasso che oggi e domani sono a rischio caldo per la popolazione fragile (bollino arancione). In arancione domani e dopodomani anche Ancona. Bollino giallo, cioè in stato di pre-allerta, da oggi fino a venerdì per Catania, Civitavecchia, Messina, Pescara e Reggio Calabria. Oggi si aggiungono Ancona, Cagliari e Palermo.

Queste ultime due resteranno gialle anche domani, per poi finalmente passare al bollino verde ed essere i primi centri urbani monitorati in cui si riprenderà a respirare.

Banner Gazzetta d'Alba