“Per cambiare il mondo bisogna esserci”: Anpi e Centro studi ricordano la partigiana Meghi (VIDEO)

“Per cambiare il mondo bisogna esserci”: Anpi e Centro studi ricordano la partigiana Meghi 2
A sinistra Meghi, in una foto d'archivio di Beppe Malò

ALBA La figura e il ruolo storico di Margherita Muò, classe 1923 e nome di battaglia “Meghi” sono state ricordate nel corso di un incontro dal titolo “Donne Resistenza Libertà” che si è svolto ieri (venerdì 19 aprile) nella sala convegni della Banca d’Alba. Organizzato dall’Anpi provinciale e dal Centro studi fenogliani, l’evento culturale è stato presentato dal presidente Anpi della sezione di Alba Bra Michele Cauda.

Di Meghi staffetta partigiana, del ruolo svolto nella Seconda divisione Langhe del Comandante Piero Balbo, del significato storico e sociologico dell’adesione delle donne alla Resistenza successivamente all’8 settembre 1943 hanno parlato la dottoressa Barbara Berruti (direttore dell’Istituto storico della Resistenza di Asti) e la collega Nicoletta Fasano direttore dell’Istituto storico della Resistenza di Asti. Le due studiose hanno ricostruito il contesto storico, culturale e sociale che ha determinato la decisione di molte donne di aderire in massa alla guerra partigiana.

Banner Gazzetta d'Alba