Ultime notizie

La fanfara dei Carabinieri in concerto venerdì 28 giugno a Santo Stefano Belbo

Venerdì 28 giugno, in piazza Umberto I, un viaggio tra musica classica e contemporanea grazie alle note del terzo Reggimento Carabinieri Lombardia: presenta il nostro Fabio Gallina

La fanfara dei Carabinieri in concerto a Santo Stefano Belbo

SANTO STEFANO BELBO Venerdì 28 giugno, alle 21, la centrale piazza Umberto I si trasformerà in un palcoscenico a cielo aperto, ospitando l’esibizione della fanfara del terzo Reggimento Carabinieri Lombardia per il concerto promosso dall’Amministrazione comunale di Santo Stefano Belbo, guidata dalla sindaca Laura Capra. Sotto la direzione del maestro maresciallo capo Andrea Bagnolo, l’illustre formazione musicale offrirà una serata di grandi performance, celebrando l’eccellenza musicale e il prestigio dell’Arma dei Carabinieri.

La fanfara dei Carabinieri ha una storia che affonda le radici nel 1820. Originariamente composta da trombettieri, la formazione si è evoluta nel corso dei decenni fino a diventare la fanfara del terzo battaglione Carabinieri Lombardia. Nel 2014 ha assunto la denominazione attuale, mantenendo il termine di fanfara per onorare la tradizione militare, pur abbracciando una configurazione orchestrale più ampia, che include strumenti a fiato, legni e percussioni.

Oltre ai tradizionali compiti durante parate, cerimonie e tattoo militari, la fanfara è impegnata in un’intensa attività concertistica. Il suo repertorio spazia dalle marce militari ai brani classici, moderni e contemporanei. La fanfara rappresenta spesso l’Italia all’estero, con tournée in Germania, Spagna, Francia, Bulgaria, Austria, Svizzera, Liechtenstein, Cina e Canada. In modo innovativo per un gruppo militare ha partecipato a importanti festival di jazz e soul, collaborando anche con artisti di fama internazionale.

Composta da 30 musicisti provenienti da vari Conservatori italiani, la fanfara è diretta dal maresciallo capo Andrea Bagnolo, laureato in Strumentazione e composizione per orchestra di fiati, Direzione d’orchestra di fiati, Musica d’uso e Musica applicata, oltre a essere laureando in Composizione. Il direttore ha iniziato a studiare pianoforte fin da bambino e si è successivamente appassionato al jazz e alla composizione. Membro della Siae dal 2003, vanta un notevole portfolio di brani originali e arrangiamenti per varie formazioni, pubblicati da diverse case editrici.

Il concerto di Santo Stefano Belbo, che sarà presentato dal collaboratore di Gazzetta d’Alba e speaker radiofonico Fabio Gallina, sarà diviso in due parti. La prima si aprirà con la marcia d’ordinanza dell’Arma dei Carabinieri La fedelissima, seguita da melodie contemporanee come Star Wars Saga, Libertango, Funiculì Funiculà, Cavalleria Leggera, Deguello e la marcia militare Radetzky Marsch. La seconda parte inizierà con Lassus Trombone, proseguendo con Swap, Summertime, Bohemian Rhapsody, Birdland, The Typewriter, per concludere con l’inno nazionale italiano Il canto degli italiani. L’ingresso è gratuito.

Banner Gazzetta d'Alba