Incidente a Bra: a morire un appuntato di 43 anni. Lascia moglie e due figli

Incidente mortale vicino a Pollenzo. La vittima è un Carabiniere, 3 auto coinvolte

BRA Alessandro Borlengo, appuntato scelto dei carabinieri, 43 anni, è morto in un incidente stradale in provincia di Cuneo. Viaggiava su una gazzella dei carabinieri che si è scontrata frontalmente con una Ford Focus guidata da una donna.

Nell’incidente, avvenuto in borgata San Martino di Bra, non lontano da Pollenzo, è rimasto ferito in modo grave anche un altro carabiniere, ricoverato in Rianimazione all’ospedale di Cuneo.

Il carabiniere deceduto si chiamava Alessandro Borlengo, 43 anni, abitante a Canale e in servizio presso la Stazione dell’Arma di Sommariva del Bosco.

I due militari stavano trasportando un arrestato moldavo, ferito in modo non grave, al tribunale di Asti per l’udienza di convalida.

Lo scontro sulla Statale 231; secondo una prima ricostruzione la Ford ha effettuato una svolta a sinistra senza dare la precedenza. Borlengo lascia la moglie e due figli.

Ansa

La solidarietà delle istituzioni

Il ministro della Difesa, Roberta Pinotti ha diffuso un messaggio di cordoglio verso i familiari dell’appuntato Alessandro Borlengo, morto nell’incidente stradale di questa mattina, mentre era in servizio: “Ai familiari dell’appuntato scelto Borlengo va il sentimento di vicinanza di tutto il personale della Difesa e mio personale – ha detto Pinotti – Sono vicina alla moglie e ai due figli dell’Appuntato e a tutti i Carabinieri, che vivono questo momento di lutto e sacrificio condiviso da tutte le Forze armate”.

All’altro militare rimasto seriamente ferito nell’incidente, il ministro ha augurato una pronta e piena guarigione.

Analogo messaggio anche dal Capo di Stato Maggiore della Difesa, generale Claudio Graziano che ha espresso ai familiari dei militari e al Comandante generale dell’Arma dei Carabinieri, “profondo cordoglio e sentimenti di affettuosa vicinanza a nome delle Forze Armate e suo personale.”

r.g.

Banner Gazzetta d'Alba