Gazzetta d'Alba – Dal 1882 il settimanale di Alba, Langhe e Roero

Don Donato: un altro grande pastore se n’è andato

È nella chiesa parrocchiale di Corneliano, suo paese natale, che è stato porto l’ultimo saluto al canonico Raffaele Donato. I funerali, svoltisi nel pomeriggio di mercoledì 12 settembre, sono stati presieduti dal vescovo di Alba, mons. Giacomo Lanzetti. La chiesa dedicata ai Santi Gallo e Nicolò è riuscita a stento ad accogliere i sacerdoti che gremivano il presbiterio e il numero considerevole di persone che si sono unite al dolore dei familiari di don Raffaele, che il Padre ha chiamato a sé all’età di 79 anni.

Nell’omelia, mons. Lanzetti ha confidato di aver apprezzato la sua semplicità, la serenità, la pacatezza, di aver gioito della sua compagnia discreta, gioviale e arguta e ne ha affidato l’anima alla Madre di Dio e nostra, proprio nel giorno in cui la Chiesa festeggiava il Santissimo Nome di Maria. Infine si è rivolto direttamente a lui: «Don Raffaele, lascia che l’Arcangelo di cui porti il nome ti accompagni nell’eternità beata…». La bara di don Donato era collocata a poca distanza dalla statua della Vergine che ascende al cielo sostenuta dagli angeli. Al termine della celebrazione don Italo, parroco di Corneliano, ha ringraziato il Vescovo, i sacerdoti, le persone consacrate e tutti coloro che hanno partecipato per l’ultimo commosso abbraccio a don Raffaele, che in questa chiesa ricevette anche il sacramento dell’Ordine insieme al cugino don Giuseppe Donato il 23 settembre 1956.

Don Italo ha letto la breve cronaca di quella solenne funzione ricca di ricordi, comparsa su un bollettino parrocchiale dell’epoca. Sono seguite alcune toccanti testimonianze di persone che conobbero e stimarono don Raffaele, dalle quali sono emersi i pregi di questo zelante uomo di Dio, che fece aderire al cognome “Donato” la sua vita, donata instancabilmente al servizio del Vangelo e del prossimo. È stato inoltre sottolineato il bene che egli compì nelle comunità parrocchiali nelle quali svolse il suo ministero presbiterale, presso l’istituto Cottolengo di Alba e infine presso la residenza per anziani Ottolenghi. Il sindaco di Corneliano Alessandra Balbo ha concluso la serie di interventi in ricordo di un compaesano che lascia un vuoto incolmabile, ma soprattutto un’eredità umana e un esempio di vita cristiana che ci riempiono di speranza per il futuro. La salma del canonico Raffaele Donato riposa nel cimitero di Corneliano.

Monica Castagnotto

Leggi anche: