La Casa del consumatore lancia l’allarme sulle vendite di casalinghi porta a porta

CRONACA Dalla Casa del consumatore di Asti è giunta la segnalazione di sei casi di cittadini astigiani che sono stati convinti a firmare impegni di acquisto di articoli casalinghi per cifre che oscillano tra i tre e gli ottomila euro.
Venditori porta a porta si sono presentati a casa di queste persone, sostenendo di voler effettuare una visita domiciliare per consegnare un catalogo di  articoli per la casa a prezzi scontati.
«In realtà»,  segnalano dalla Casa del Consumatore Piemonte, «all’ignaro cittadino viene fatto sottoscrivere un impegno di acquisto per circa 3mila euro, ma anche ottomila in un caso, da effettuarsi entro due anni. La sottoscrizione viene carpita con l’inganno poiché – ci hanno riferito i consumatori che hanno richiesto il nostro intervento – la firma viene fatta apporre con la scusa dell’avvenuta consegna del catalogo in seguito ad una pseudo indagine commerciale sugli acquisti futuri che il consumatore intervistato vorrebbe fare secondo le sue esigenze».
«Successivamente», continuano dalla Casa del consumatore, «dopo circa due settimane si presenta un altro venditore porta a porta il quale richiede di scegliere la merce dal catalogo poiché la precedente firma impegnava il consumatore ad acquistare la merce per euro 3.000 scegliendo dei beni dal catalogo. Se la persona si rifiuta di scegliere la merce il venditore minaccia azioni legali in virtù del contratto firmato. Questa minaccia fa capitolare molte volte il malcapitato acquirente, che effettua la scelta per  l’ordine, versando anche degli acconti che, nei casi esaminati, si aggirano sui 200 o 300 euro. In caso di mancato acquisto il malcapitato, molte volte, riceve anche una lettera di uno studio legale con la quale viene minacciato di azioni giudiziarie per inadempimento».
I portavoce dell’associazione di tutela dei consumatori piemontese concludono, rivolgendo un appello direttamente ai cittadini: «Spesso le vittime sono anziani, perciò l’attività di prevenzione è molto importante. Non firmate».
Nel caso in cui il contratto fosse già stato sottoscritto, si possono contattare gli uffici astigiani della Casa del consumatore allo 0141-53.01.97 per ricevere l’assistenza necessaria atta ad annullare il contratto.