Su questo sito utilizziamo cookie tecnici.

Operazione dei Carabinieri: nove arresti e un chilo e mezzo di cocaina sequestrata

ALBA È di nove arresti il bilancio dell’operazione antidroga condotta ad Alba venerdì 15 dicembre. I Carabinieri della Compagnia albese, coordinati dal capitano Giacomo Conte, si sono mossi ben prima del sorgere del sole per stanare i vertici della rete di spaccio di cocaina nell’Albese e nell’Astigiano. Con le prime luci del giorno è arrivato anche un elicottero dell’Arma ad aiutarli nelle identificazioni dall’alto.
È stata così colpita un’articolata e capillare organizzazione finalizzata allo spaccio di cocaina, formata da albanesi e italiani. I militari hanno accertato centinaia di cessioni di droga con un volume di affari illeciti di centinaia di migliaia di euro.
L’indagine “Papaya” ha avuto origine grazie alla circolarità informativa dei vari reparti dell’Arma e all’attenta analisi del fenomeno della droga sul territorio.
I dati investigativi prodotti dalla Compagnia di Alba e trasmessi all’autorità giudiziaria di Asti hanno consentito di dimostrare circa 500 cessioni di cocaina per un volume di affari superiore ai 200mila euro, sequestrare 1.500 grammi di cocaina e 15mila euro provento illecito dello spaccio e segnalare alle Prefetture di Cuneo e Asti 70 tossicodipendenti.
L’organizzazione in particolare si era aggiudicata il monopolio dello spaccio di droga nei territori di Alba, Neive, Mango, Santo Stefano Belbo, Govone e Castagnito.