Gazzetta d'Alba – Dal 1882 il settimanale di Alba, Langhe e Roero

Bra: occhi elettronici vigileranno sugli accessi stradali cittadini

BRA Occhi elettronici ai varchi di accesso alla città della Zizzola. Con la possibilità di rilevare il numero di targa dei veicoli in transito. Un sistema di telecamere per garantire un clima di sicurezza ai braidesi.
Tanto che il primo cittadino commenta: «Una città sicura è una città che si cura». Con grande soddisfazione, infatti, il sindaco braidese Bruna Sibille annuncia la partecipazione dell’Amministrazione da lei guidata al bando della fondazione Cassa di risparmio di Cuneo, finalizzato alla creazione di una rete di sicurezza interna, supportata da innovazioni tecnologiche.
Aggiunge l’assessore ai lavori pubblici Luciano Messa: «Come Giunta abbiamo deciso di investire sulla videosorveglianza, aumentando di fatto il numero di controlli, attraverso una “rete di occhi elettronici” che sarà costituita da otto nuove telecamere, che saranno localizzate nei punti strategici di accesso alla città, capaci di leggere le targhe dei mezzi sia in ingresso sia in uscita da Bra».
Le nuove telecamere verranno piazzate in strada Orti, strada Montenero, via Cuneo, via Piumati, via Cherasco e all’ingresso da Bandito. Alcune saranno invece utilizzate per potenziare i controlli nella Ztl di via Cavour.
Ancora Messa: «Quello che i nostri uffici hanno preparato è un progetto che sarà sottoposto a valutazione della fondazione Crc, del valore complessivo di oltre 150mila euro (parte dei quali devono però essere reperiti nelle casse comunali, ndr); una quota parte sarà utilizzata per la manutenzione straordinaria del nostro parco telecamere, che devono essere ammodernate. Naturalmente il budget è comprensivo non solo dell’acquisto di questo materiale tecnologico, ma anche della sua sistemazione. Quando conosceremo l’esito della graduatoria, predisporremo un bando per la selezione dell’impresa che dovrà piazzarle».
Conclude il primo cittadino Sibille: «Una delle priorità di questo mio secondo mandato è stata proprio quella della sicurezza dei concittadini: questo nuovo progetto non può che offrire ulteriori garanzie in questo settore».
Valter Manzone