Prestigioso incarico per Giulia Masiero, giovane cardiologa interventista

CUNEO Quest’estate regala importanti soddisfazioni alla Cardiologia dell’Ospedale cuneese Santa Croce e Carle: la più recente, la nomina dei Giulia Masiero, cardiologa interventista classe 1986, a “co-Chair” del Comitato Young della Società Italiana di Cardiologia Interventistica GISE.

Laureata in Medicina e Chirurgia nel 2010 e specializzata in malattie dell’apparato cardiovascolare nel 2016 all’Università di Padova – entrambi titoli conseguiti con 110 e lode -, nel periodo 2016-17 è stata assegnista di ricerca al servizio di Cardiologia Interventistica dell’Ospedale Universitario di Padova. Dall’aprile di quest’anno è cardiologa interventista del servizio di Cardiologia dell’Ospedale di Cuneo.

Dal 2016 membro della sezione Young della Società Italiana di Cardiologia Interventistica SICI-GISE che riunisce i soci under 35, è stata attivamente coinvolta dal 2017 nelle attività del Comitato Scientifico Editoriale. Nel 2018 Masiero è stata eletta membro del gruppo di lavoro che coordina le attività di formazione e professionalizzanti della società europea di cardiologia interventistica, la European Association of Percutaneous Cardiovascular Interventions (EAPCI)

Nel luglio 2018 la giovane cardiologa è stata nominata “Co-Chair” del Comitato GISE Young che lancia l’ambizioso progetto MY GISE (Media, Young, Get International, Improve Reasearch, Societies, Education) del nuovo direttivo GISE guidato dal neopresidente Giuseppe Tarantini.

“Il gruppo di lavoro GISE Young”,spiega, “riunisce i soci GISE con età inferiore o pari a 35 anni con l’obiettivo di creare uno spazio dedicato al dialogo e alla promozione di iniziative scientifiche. La struttura del GISE Young prevede la presenza di un Chair, di un Co-Chair e di un comitato scientifico composto da otto colleghi. Il GISE Young è stato fondato nel 2016 sotto la presidenza del dottor Giuseppe Musumeci, che dell’iniziativa è anche promotore, attuale direttore del servizio di Cardiologia all’Ospedale cuneese Santa Croce e Carle. Gli obiettivi principali del mandato Young sono la promozione della formazione e della ricerca e la creazione di un sistema di orientamento professione con interesse particolare alle collaborazioni oltre confine. Continuando sulla scia del precedente Board, l’ambizioso obiettivo del gruppo attuale è di consolidare una comunità̀ di giovani interventisti dinamica in cui possa esservi interscambio di idee e di competenze professionali. Punti cardine dell’attività prossimo biennio saranno la partecipazione attiva alle iniziative GISE, la standardizzazione dei percorsi formativi e il riconoscimento dell’attività in emodinamica.”

Per Musumeci, direttore del servizio di Cardiologia del Santa Croce e Carle da gennaio 2017, pochi giorni fa era stato ufficializzato un nuovo prestigioso incarico all’interno della società europea di cardiologia interventistica, la European Association of Percutaneous Cardiovascular Interventions (EAPCI), come “Co-Chair” della commissione che coordina le società nazionali. Nell’ultimo biennio Musumeci ne ha fatto parte come Presidente della Società Italiana di Cardiologia Interventistica (GISE) e dopo due anni come “Co-Chair” a lui toccherà la carica di “Chair”, cioè di presidente.

Adriana Riccomagno