Su questo sito utilizziamo cookie tecnici.

Grande successo negli Usa per la cucina e i vini piemontesi

ENOGASTRONOMIA La dodicesima edizione del festival enogastronomico Truffles & hazelnuts dinner tour, che ha visto la cucina e i vini piemontesi protagonisti negli Stati Uniti d’America, si è conclusa con numeri straordinari e un grande successo di presenze e gradimento. Sono stati organizzati diciassette eventi in tredici città di dieci Stati diversi e sono stati grattati più di dodici chilogrammi di tartufi e venti di nocciole per circa 1.200 commensali. A Napa, per esempio, la cena è stata l’occasione dell’ottavo capitolo della locale delegazione dei Cavalieri del tartufo d’Alba, che è diventata un vero e proprio evento culturale atteso da un anno all’altro dagli appassionati estimatori della cucina e dei vini nostrani in California.

A organizzare la tournée gastronomica, patrocinata dall’Associazione commercianti albesi e dal Consolato onorario d’Italia a Portland, in Oregon, è stato lo chef cortemiliese Carlo Zarri. «Questa manifestazione cresce sempre di più e siamo spesso in imbarazzo perché non riusciamo ad accontentare non solo le nuove richieste, ma spesso anche coloro che da anni aderiscono al festival», spiega Zarri.

Aggiunge lo chef cortemiliese: «Quest’anno abbiamo aggiunto nuove mete nel Texas e in Delaware, ma non siamo riusciti ad accontentare gli amici di Vancouver, Washington e Philadelphia. Credo che questa manifestazione sia ormai diventata un importante veicolo di promozione e di richiamo turistico nel territorio di Langa, per la sua cultura e i suoi prodotti tipici».

Ad accompagnare lo chef cortemiliese in questa avventura a stelle e strisce, è stata la moglie Paola Bera che sottolinea: «Quello americano è un pubblico appassionato della nostra cucina, che ama e apprezza i grandi vini nostrani: abbiamo calcolato che in tutto sono state aperte oltre mille bottiglie di vini piemontesi e che molte di più sono state prenotate dai clienti agli importatori americani».

Fabio Gallina