Donna astigiana viene ricattata da un amante virtuale e versa 27mila euro

Guarire dalla dipendenza da Internet: progetto Asl finanziato con 432mila euro 2

VILLANOVA D’ASTI Era iniziata con una conversazione virtuale fra una donna sposata, residente nell’area di Villanova d’Asti e un 49enne residente a Napoli; attraverso la chat era nata un legame a distanza dopo di che erano iniziate le richieste di denaro per un presunto debito contratto con alcuni sedicenti usurai.

La vicenda che ha coinvolto la donna astigiana è durata tre mesi durante i quali lei ha versato, a mezzo bonifico, circa 27mila euro per aiutare l’amante virtuale. «Se non mi dai i soldi che mi servono passo il tuo numero di telefono e l’indirizzo agli usurai e saranno direttamente loro a chiederteli» questa frase, acquisita, assieme alle altre conversazioni della chat, dai militari dell’arma di Villanova alla quale la vittima, con il marito, si è rivolta, ha posto fine a ogni “romanticismo”. Accortasi di non poter più pagare la donna ha raccontato la vicenda ai Carabinieri che, acquisiti gli elementi probatori necessari, hanno provveduto ad arrestare il ricattatore con l’accusa di estorsione.

Davide Gallesio

Banner Gazzetta d'Alba