L’ultimo saluto di Alba a Enrica Masante

ALBA Si terrà oggi alle 15 in Duomo ad Alba il funerale di Enrica Masante: era molto conosciuta e stimata in città, come dirigente Ferrero nell’area finanziaria e per il suo impegno nel volontariato.

La sua scomparsa, a 56 anni, a causa di un tumore, ha destato grande commozione. Era attiva nel comitato di gemellaggio con Medford, il cui presidente Giorgio Sordo ricorda: «La notizia ci ha lasciato sgomenti. Masante è stata una nostra validissima collaboratrice. Parlava un perfetto inglese perché era vissuta dieci anni a Londra, ed era sempre disponibile con noi in qualsiasi momento».

La donna era socia anche dell’associazione Giulio Parusso: «Ho conosciuto Enrica molti anni fa a Londra, dove lavorava, ed è nata un’amicizia con la mia famiglia», dice il presidente Roberto Ponzio: «La ricorderemo sempre per il suo sorriso solare, per i modi gentili e garbati, per i gusti raffinati e per la sua sottile e pungente ironia».

«È sempre un grande dolore la morte di una nostra giovane concittadina che ha lottato strenuamente contro un male incurabile», è il pensiero del sindaco Carlo Bo: «Invio il mio cordoglio in questo momento difficile alla famiglia e agli amici più stretti che le sono stati vicino».

Masante lascia la mamma Dina, il compagno Luigi e il fratello Andrea. Il padre era stato tra i fondatori della Cooperativa dei lavoratori, e l’aveva diretta fino alla morte. Alle 14.45 il corteo funebre partirà dall’ospedale San Lazzaro, e dopo la cerimonia il feretro proseguirà verso il crematorio di Bra.

Adriana Riccomagno

Banner Gazzetta d'Alba