In Piemonte è operativa una seconda unità mobile per i tamponi

In Piemonte è operativa una seconda unità mobile per i tamponi

TORINO È stata consegnata all’azienda sanitaria Città della salute e della scienza di Torino, la seconda unità mobile destinata all’attività di tamponamento prioritario su operatori e ospiti delle Rsa piemontesi, a integrazione della pianificazione ordinaria già disposta dalle Asl.

«Esprimo sincero apprezzamento – dichiara l’assessore regionale al welfare Chiara Caucino – per il grande spirito di collaborazione mostrato dal coordinamento regionale delle società di mutuo soccorso del Piemonte, presieduto da Pietro Alioto, in sinergia con la fondazione Centro per lo studio e la documentazione delle Società di mutuo soccorso, guidata da Guido Bonfante, i quali si sono attivati, tramite la Soms di Castellazzo Bormida, per mettere a disposizione della collettività piemontese un camper che verrà utilizzato per i tamponi nelle Rsa, in linea con le finalità che le Società di mutuo soccorso perseguono quotidianamente».

Il mezzo, che appartiene all’associazione “Prevenzione e salute km zero” presieduta da Giampiero Varosio, va ad affiancare la prima unità mobile messa a disposizione da Fab Sms nei giorni scorsi.

Le unità mobili, che svolgono una funzione integrativa rispetto a quella propriamente in capo alle Asl e alle loro articolazioni territoriali, si occupano delle segnalazioni urgenti che giungono all’area funzionale dell’Unità di crisi e rispetto alle quali si assume la decisione, di concerto con i territori, di procedere con rapidità.

«Ringrazio tutti coloro che hanno contribuito a implementare l’operatività dell’attività di tamponamento sul personale e gli ospiti delle residenze sanitarie assistenziali piemontesi, in particolare il consulente Fab Raffaele Abbattista, che fin da subito si è attivato affinché questa iniziativa fosse realizzata», conclude Caucino.

 

Banner Gazzetta d'Alba