Migranti reclutati in strada al lavoro 11 ore in vigna

Arrestata 40enne italo-albanese, nell'Astigiano

Migranti reclutati in strada al lavoro 11 ore in vigna

SFRUTTAMENTO Faceva lavorare fino a 11 ore al giorno nei vigneti, in diverse aziende agricole del sud Astigiani e della vicina provincia di Cuneo braccianti maltrattati e alloggiati in locali fatiscenti e sporchi.

Con queste accuse una 40enne con doppia cittadinanza, italiana e albanese, è stata arrestata dalla Guardia di finanza di Canelli. Tre suoi connazionali sono stati denunciati a piede libero.

Una trentina i braccianti agricoli di origine africana, cingalese, indiana e albanese vittime degli sfruttatori che, secondo le indagini guidate dal sostituto procuratore della Repubblica di Asti Francesca Dentis, venivano pagati 6 euro l’ora, cifra che veniva decurtata delle spese di alloggio e trasporto.

I giovani venivano reclutati, con intimidazioni e minacce, in luoghi di rifugio improvvisati, stazioni ferroviarie, giardini pubblici e alla sede della Caritas di Canelli. I militari hanno sequestrato anche 3 veicoli e denaro.

Secondo le indagini, durate quasi un anno, il profitto complessivo fruttato alla donna arrestata e ai suoi connazionali grazie allo sfruttamento dei lavoratori, ammonterebbe a circa 75 mila euro.

Ancora in corso accertamenti di polizia economico-finanziaria per accertare le irregolarità previdenziali e fiscali ai danni di altri 82 braccianti.

(Ansa)

Banner Gazzetta d'Alba