Asti: Liliana Segre è cittadina onoraria. L’opposizione chiede di revocare il riconoscimento assegnato a Mussolini

L'iniziativa prevede letture tratte dal libro “La memoria rende liberi” di Liliana Segre ed Enrico Mentana.

ASTI Il Consiglio comunale ha approvato all’unanimità il conferimento della cittadinanza onoraria alla senatrice a vita Liliana Segre, superstite dell’Olocausto. Nell’albo dei cittadini onorari compare però anche Benito Mussolini, che aveva ricevuto il riconoscimento nel 1924 e l’opposizione ha presentato un ordine del giorno straordinario per revocarlo. Non avendo ricevuto prima l’ordine del giorno in questione ed essendo scaduto il tempo della seduta consiliare, la maggioranza si è riservata di votare la revoca in un altro momento ed è infuriata la polemica tra i banchi dell’opposizione.

Alcuni esponenti di minoranza hanno definito l’accaduto «Una delle pagine più vergognose nella storia della politica di Asti, essendoci tra i cittadini onorari una delle vittime e il suo carnefice». Ha replicato indignato il sindaco Maurizio Rasero: «Premesso che non ero al corrente della cittadinanza onoraria a Mussolini e che ripudio il regime fascista e le leggi razziali, una delle vergogne più grandi della nostra storia, la polemica dell’opposizione è strumentale a creare zizzania e insinuare, servendosi di modalità subdole e vigliacche». Prosegue Rasero: «La minoranza non mi detta l’agenda. Avrebbe potuto inserire prima l’ordine del giorno e non lo ha fatto. Ci siamo limitati a dire che avremmo trattato l’argomento in un’altra seduta e di sicuro torneremo a trattare la questione. Non è la prima volta che la minoranza cerca di intralciare i nostri lavori usando lo strumento dell’ordine del giorno, che peraltro non può annullare una cittadinanza onoraria. Ricordo, infine, che nessun sindaco antifascista e nessuna Amministrazione alla guida della città ha proposto la revoca, mentre l’argomento è talmente importante che avrebbe dovuto essere trattato già da tempo, senza arrivare al 2020».

Manuela Zoccola

Banner Gazzetta d'Alba