Cirio: prime 700 dosi di vaccino in Piemonte il 27 dicembre

Cirio: prime 700 dosi di vaccino in Piemonte il 27 dicembre

TORINO «Il 27 dicembre arriveranno le prime 700 dosi di vaccino Covid in Piemonte»: ad annunciarlo, in un video su Facebook, il presidente della Regione, Alberto Cirio, che ha ricordato come la prima fase sarà dedicata al personale sanitario e agli ospiti delle strutture per anziani. «Il 2/3 gennaio», aggiunge Cirio, «arriveranno poi le 170mila dosi necessarie per completare la fase uno. Inizieremo subito con le prime iniezioni e dopo il 18/19 gennaio cominceremo con il richiamo per arrivare entro metà febbraio ad aver concluso in Piemonte la prima fase».

Aggiunge Cirio: «Il tema dei vaccini è estremamente importante, perché è quell’elemento di speranza con cui dobbiamo affrontare la nascita del nuovo anno e le prossime settimane». Il governatore del Piemonte, esprimendo apprezzamento per la linea della presidente della Commissione europea sul fatto che tutti i Paesi europei partano lo stesso giorno, ribadisce: «Partirà anche il Piemonte, perché abbiamo predisposto un piano con grande tempismo, anche grazie all’esperienza maturata nel settore del freddo, necessario per la conservazione di questo vaccino per cui abbiamo predisposto 28 luoghi di stoccaggio».

Cirio spiega poi che parte delle prime 700 dosi «saranno distribuite nei sei hub, ossia gli ospedali principali del Piemonte: San Giovanni Bosco, Mauriziano, Molinette e i nosocomi di Cuneo, Alessandria e Novara». E conclude: «Parliamo di un vaccino gratuito e volontario, ma l’invito che arriverà dalle Istituzioni è, di fronte alle garanzie che ci vengono date dall’Agenzia europea per il farmaco e dal ministero della Salute, di sottoporsi a questo vaccino perché è l’arma in più che avremo per affrontare questo virus, che in Piemonte se ne sta andando, ma questo non ci autorizza a non stare attenti e non fare di tutto per massimizzare questi profitti e a poter guardare alla ripartenza dopo le vacanze avendo consolidato i risultati, che sono il sacrifico di tanti giorni e di tanta pazienza».

Ansa

Banner Gazzetta d'Alba