Fossano: abbattere o preservare i tigli di corso Colombo?

 1

FOSSANO Da una parte ci sono i condomini che si affacciano su corso Colombo a Fossano che, come evidenzia una perizia commissionata dai residente, causano «sporcizia e insalubrità a causa delle foglie e degli insetti», vista  «l’estrema vicinanza ai balconi» hanno ottenuto dal Comune l’intervento di abbattimento di 57 tigli; dall’altra ci sono l’associazione Radicali Cuneo – Gianfranco Donadei che ha attivato una petizione online e il coordinamento delle associazioni ambientaliste Legambiente, Lipu, Pro natura e  Cuneo birding che hanno scritto al sindaco di Fossano ricordando che «le piante con le loro foglie o gli insetti che le abitano non creano sporcizia, essendo prodotti naturali che da milioni di anni svolgono il loro ruolo in natura. Semmai siamo noi che sporchiamo le nostre città (anche Fossano) abbandonando materiali non degradabili» e che per quanto riguarda «i rami e le fronde che aggettano eccessivamente, è sufficiente provvedere a una regolare potatura (non capitozzatura) che non danneggia la struttura della pianta, non ne mina la stabilità (alle nostre latitudini, in natura, questa azione ogni anno la fa la neve) e consente a tutti, anche ai residenti, di godere di un ambiente naturale fondamentale e prezioso».

Le firme raccolte dalla petizione dei Radicali cuneesi saranno inviate alla autorità comunali fossanesi, con la richiesta specifica di fermare questo intervento. Si può firmare qui:  https://www.radicalicuneo.org/blog-detail/post/114105/appello-per-salvare-i-57-tigli-di-corso-colombo-a-fossano

Le associazioni del coordinamento ambientalista lanciano anche un suggerimento: «Ci potrebbero essere problemi di stabilità su alcune piante per cui si potrebbe prendere in considerazione l’idea di qualche abbattimento ma non crediamo che tutte e 57 siano ammalate» e concludono chiedendo di «poter prendere visione dell’analisi di Vta (valutazione della stabilità degli alberi) che avrete certamente dovuto effettuare prima della delibera di abbattimento».

Banner Gazzetta d'Alba