Per Pasqua il Piemonte pensa alla chiusura dei supermercati

Con Porta la sporta 65 quintali di solidarietà

TORINO In Piemonte i supermercati resteranno chiusi nei giorni di Pasqua (dalle 13) e Pasquetta e sarà in vigore il divieto di recarsi nelle seconde case per coloro non sono residenti in regione. Sono queste, secondo quanto si apprende, le misure in programma nelle festività pasquali di cui il presidente Alberto Cirio discuterà domani in un incontro con gli Enti locali.

Dal 3 al 5 aprile, inoltre, tutta l’Italia sarà zona rossa e per il 6 aprile è atteso un nuovo provvedimento sul contenimento del contagio che dovrebbe anche prevedere la riapertura delle scuole fino alla prima media.

Spostamenti

Durante le festività di Pasqua – sabato 3, domenica 4 e lunedì 5 – si potrà fare visita tra le 5 e le 22, una volta al giorno, a una sola casa di amici o parenti all’interno della stessa regione, spostandosi in due persone (esclusi minori di 14 anni o persone disabili o non autosufficienti).

Sono consentiti spostamenti solo per comprovati motivi di lavoro, salute o necessità. Ci si può spostare per andare in chiesa o negli altri luoghi di culto scegliendo sempre il più vicino a casa. L’accesso ai luoghi di culto è consentito, purché si evitino assembramenti e si assicuri la distanza non inferiore a un metro tra i frequentatori.

È possibile spostarsi per assistere parenti o amici non autosufficienti, purché si tratti di condizione di necessità. Lo spostamento per dare assistenza a persone non autosufficienti è consentito anche tra comuni, regioni e province autonome in aree diverse, ove non sia possibile assicurare loro la necessaria assistenza tramite altri soggetti presenti nello stesso territorio. È consentito accompagnare una persona che debba effettuare uno spostamento giustificato dai motivi previsti dal decreto ma che non abbia la possibilità di condurre un mezzo privato.

Bar, ristoranti e negozi

Bar e ristoranti sono chiusi, consentito il servizio a domicilio e asporto (fino alle 18 bar, alle 22 gli altri). Possono restare aperti supermercati, farmacie, alimentari, tabaccherie, edicole, ferramenta, profumerie, lavanderie, negozi di ottica, di intimo, di abbigliamento per bambini, giocattoli e cartolerie.

Sport

Si può svolgere l’attività sportiva esclusivamente nell’ambito del territorio del proprio comune, dalle 5 alle 22, in forma individuale e all’aperto, mantenendo la distanza interpersonale di due metri. Sono consentiti allenamenti e gare ufficiali degli atleti agonisti che praticano discipline di carattere nazionale.

Banner Gazzetta d'Alba