Carlo Robiglio, presidente nazionale della Piccola Industria di Confindustria Cuneo ad Alba

Trarrà le conclusioni dell’incontro su semplificazione, credito e mercati internazionali con Maurizio Marrone, Beppe Ghisolfi e Giulio Finzi ospitato dal “Pala Alba Capitale”

Carlo Robiglio, presidente nazionale della Piccola Industria di Confindustria Cuneo ad Alba

ALBA Il presidente della Piccola Industria di Confindustria, Carlo Robiglio, dopo aver preso parte, il 7 maggio, all’inaugurazione di Alba Capitale della Cultura d’Impresa 2021, martedì 29 giugno sarà di nuovo nella città delle cento torri, in occasione dell’evento “Piccola e media impresa: osare per crescere”, organizzato dal Comitato Piccola
Industria di Confindustria Cuneo, presieduto da Comitato Piccola Industria.

Con inizio alle 17, il “Pala Alba Capitale” di piazza San Paolo ospiterà un confronto fra imprese e istituzioni riguardo a temi da sempre cardine per lo sviluppo delle aziende,
divenuti ancor più rilevanti nel periodo post-pandemia: semplificazione, accesso al credito e mercati internazionali. I saluti istituzionali saranno portati dal presidente di Confindustria Cuneo, Mauro Gola, e da Alberto Biraghi.

Riguardo alla semplificazione dei percorsi amministrativi interverrà Maurizio Marrone, assessore regionale con deleghe su questo tema e per la delegificazione.
Beppe Ghisolfi, vicepresidente europeo e consigliere mondiale delle Casse di Risparmio, parlerà della questione del credito, mentre Giulio Finzi, senior partner del
Consorzio Netcomm, il digital hub italiano per l’evoluzione delle imprese verso i consumatori digitali nel mondo, relazionerà sulle nuove prospettive dei processi di
internazionalizzazione.

Il presidente Carlo Robiglio trarrà le conclusioni prendendo spunto anche dalle riflessioni proposte da chi l’avrà preceduto. Alberto Biraghi, presidente del Comitato Piccola Industria di Confindustria Cuneo, commenta a proposito dell’evento, messo in cantiere nell’àmbito di Alba Capitale della Cultura d’Impresa: «Tratteremo argomenti decisivi per il futuro delle Pmi, e quindi di una parte fondamentale del sistema economico locale e nazionale, e lo faremo finalmente in presenza. Dopo un anno e mezzo di contatti in videoconferenza, certamente funzionali e che abbiamo imparato a considerare nella loro importanza insostituibile, ci mancava molto il non incontrarci di persona. Sono grato al presidente Robiglio che ha accettato il nostro invito. La sua presenza qualifica l’evento al pari di quella dei qualificatissimi relatori che si succederanno. Sono certo emergeranno concetti interessanti e soprattutto utili. Dopo questo importante incontro il successivo appuntamento, sempre nel programma di Alba Capitale della Cultura d’Impresa, sarà il Forum nazionale della Piccola Industria che avremo l’onore di organizzare a novembre. Sarà un momento di grande rilevanza, a cui parteciperanno centinaia di imprenditori di tutta la penisola, chiamati a confrontarsi sulla ripartenza che a quel punto speriamo tutti sia molto ben radicata e avviata. Inoltre sarà l’occasione per laureare la città che nel 2022 raccoglierà il testimone da Alba in qualità di Capitale nazionale della Cultura d’Impresa».

Banner Gazzetta d'Alba