Ultime notizie

Lunedì 22 novembre si festeggia la Giornata dell’albero

Ceresole: aceri, liquidambar e carpini per i nuovi nati

CUNEO I Carabinieri forestali celebreranno la Festa dell’albero  mettendo a dimora alcune piantine nell’ambito del progetto nazionale di educazione ambientale “Un albero per il futuro”, patrocinato dal Ministero della Transizione Ecologica. Saranno 16 gli istituti scolastici, e altrettante le Amministrazioni comunali, che  verranno coinvolte in provincia di Cuneo, senza contare le associazioni ambientaliste, i volontari Antincendio boschivo e l’associazione nazionale Forestali in congedo.

Il senso della giornata, che cadrebbe il 21 novembre ma che verrà celebrata dal successivo lunedì 22 per agevolare la partecipazione delle scuole, è quello di sensibilizzare le nuove generazioni su alcune tematiche legate all’importanza degli alberi e degli ecosistemi forestali: il contrasto ai cambiamenti climatici grazie all’assorbimento di anidride carbonica, la produzione di ossigeno, la tutela della biodiversità, il contrasto al dissesto idrogeologico, la valorizzazione del paesaggio e la sostenibilità ambientale delle attività umane.

In particolare, la giornata si svolgerà, per quanto riguarda il Cuneese: ad Alba, presso la scuola elementare “Montessori”, a Bra, in piazza Giolitti con la partecipazione delle scuole primarie e secondarie, a Cortemilia, presso l’asilo e le elementari, a Cuneo, presso scuola primaria di Madonna dell’Olmo, a Mondovì, presso scuola dell’infanzia di Mondovì Piazza, e a Pollenzo, presso l’asilo.

Le piantine, prodotte dai centri Carabinieri per la biodiversità di Peri
(Verona) e Pieve Santo Stefano (Arezzo), saranno scelte in funzione della fascia altitudinale e climatica in cui si andranno a porre e, corredate di una fascetta con specifico Qr code, saranno geolocalizzate e inserite nel portale www.unalberoperilfuturo.it. Sul sito, grazie ad un algoritmo, si può leggere in tempo reale il quantitativo di anidride carbonica che complessivamente gli alberi via via piantati sono capaci di immagazzinare.

Lorenzo Germano

Banner Gazzetta d'Alba