Prematura scomparsa di Alessandro Marengo, campione nello sport, campione nella vita

BRA Si è spento nella serata di venerdì 5 novembre a causa di un malore Alessandro Marengo, grande appassionato di sport e atleta della sezione di Bra dell’Unione nazionale veterani dello sport; aveva 63 anni, era originario di Bra e viveva a Roreto di Cherasco.

«Perdiamo un grande uomo che aveva fatto di umiltà e sana determinazione caratteristiche che gli permettevano di farsi voler bene da tutti», sottolinea il Unvs Giuseppe Gandino a cui fa eco la vice Paola Ballocco: «La mente in queste ore vola ad ottobre del 2018 con Alessandro, il nostro campione, premiato a Pisa in occasione delle nozze d’oro e d’argento con lo sport, prestigiosa benemerenza assegnata dall’Unvs sezione Giagnoni di Pisa e di cui era orgoglioso».

Prematura scomparsa di Alessandro Marengo, campione nello sport, campione nella vita

Aveva recentemente conquistato a Rieti, ai Campionati Italiani master 60 Unvs, tre titoli nazionali nei 100, 200 e 400 metri piani. Per lui un lungo percorso sportivo che spaziava dal motociclismo, all’hockey su prato, ma è l’atletica leggera ad aver dato a Marengo le maggiori soddisfazioni.

Riconosciuto a settembre nel municipio di Bra dall’amministrazione comunale unitamente a quella di Cherasco per le molteplici imprese e successi, nel suo intervento, parole che avevano evidenziato emozione, passione, impegno e fatica.

«Ci lascia un grande campione», commenta Giuseppe Sibona, segretario Unvs della realtà territoriale braidese e amico di Marengo. «La nostra realtà associativa, ma in particolare le comunità braidesi e cheraschesi perdono una figura di grande spessore e dalle indubbie doti non solo sportive, ma soprattutto umane».

Alla famiglia, in particolare alla moglie Mariella Cravero ed al figlio Federico, la vicinanza del mondo sportivo in particolare legato all’Unione nazionale veterani dello sport.

Lino Ferrero

Banner Gazzetta d'Alba