Ultime notizie

Hill Barolo sfida il meteo e rinnova il successo dell’evento dedicato ai vini lamorresi

Hill Barolo sfida il meteo e rinnova il successo dell'evento dedicato ai vini lamorresi

LA MORRA Si è chiusa sabato 22 giugno con la masterclass sui vini del Collio, l’edizione 2024 di Hill Barolo dedicata ai vini Barolo prodotti nel 2020 dai produttori lamorresi.

La due giorni era iniziata venerdì 21 giugno con una conferenza stampa di presentazione a cui hanno partecipato oltre 30 persone, divisa in due momenti. Presenti Matteo Ellena, presidente della cantina comunale di La Morra, Sergio Molino, enologo, Sergio Germano, presidente del Consorzio di tutela Barolo Barbaresco Alba Langhe Dogliani. Il giornalista enogastronomico, Armando Gambera ha moderato l’incontro per parlare del Barolo 2020 e dei vini lamorresi.

Durante il secondo momento la sindaca Maria Luisa Ascheri ha consegnato il premio Giuseppe Tarditi a Paolo Canale.

Hill Barolo sfida il meteo e rinnova il successo dell'evento dedicato ai vini lamorresi 2
La premiazione con Paolo Canale

Paolo Canale nel 1973 su iniziativa dell’allora sindaco Ottaviano Borgogno, si ritrovò ad essere da cantoniere a cantiniere di fatto fu il primo gestore dell’attuale cantina comunale.

Nonostante l’intensa pioggia che si era abbattuta nel tardo pomeriggio sulla cittadina langarola, sempre venerdì dalle 19, ha potuto prendere comunque il via la serata, momento clou di tutta la manifestazione.

Hill Barolo ha voluto sfidare il meteo e ha vinto, centinaia di persone hanno affollato il belvedere fino a tarda notte, per gustare le prelibatezze gastronomiche preparate da “Il Melograno” accompagnate dallo street food dell’Arcobaleno onlus con la sua Batata itinerante, ma soprattutto hanno assaggiare i vini di Barolo 2020 messi in degustazione dagli oltre 60 produttori lamorresi.

La due giorni si è chiusa sabato 22 giugno con la masterclass “Viaggio in Friuli: Cormòns, il Collio e l’Isonzo” curata dall’Enoteca di Cormòns e condotta da un relatore Ais Piemonte e dal relatore di Ais Gorizia e AIS Friuli-Venezia Giulia Michele Paiano. 50 partecipanti hanno avuto modo di assaggiare, ma anche conoscere la storia, di dieci selezionati vini provenienti dalle terre friulane.

 

Banner Gazzetta d'Alba