Ultime notizie

Poche ore e Gatto dovrebbe annunciare la sua Giunta, tra “vecchie glorie” e volti nuovi

Secondo alcuni, dopo il no di Tripaldi, la cultura e il turismo andranno a un esterno; Garassino potrebbe tornare alle finanze e Marello forse sarà presidente del Consiglio comunale

Poche ore e Gatto dovrebbe annunciare la sua Giunta, tra "vecchie glorie" e volti nuovi

ALBA Domani, 19 giugno, il sindaco di Alba Alberto Gatto dovrebbe ufficializzare i nomi della sua Giunta.

Di certo, al momento, c’è soltanto il passo indietro di Fabio Tribaldi, il più votato della coalizione con 363 voti, una porta d’accesso di tutto rispetto anche al ruolo di vicesindaco, oltre che di assessore alla cultura e al turismo (sempre che Gatto scelga di tornare a unire i due assessorati).

Forse un esterno alla cultura e turismo 

Su chi sia ricaduta a questo punto la scelta del sindaco non ci sono certezze, ma secondo diverse voci alla cultura e al turismo potrebbe arrivare un esterno, con competenze specifiche nel settore.

E gli altri assessorati?  Di certo il neosindaco si porta con sé una serie di nomi di peso. Oltre a Tripaldi, torneranno alla maggioranza  Gigi Garassino, Elena di Liddo e Anna Chiara Cavallotto, ex assessori del secondo mandato Marello. Per Garassino potrebbero riaprirsi le porte delle finanze, centrale nelle dinamiche generali e nei programmi.

Cavallo potrebbe entrare in Giunta, ma non all’ambiente 

Alberto Gatto è il nuovo sindaco di Alba. Al centrosinistra non serve il ballottaggio 5
Alberto Gatto e Maurizio Marello.

Tra chi è fuori dal palazzo da tempo, ma ha già ricoperto ruoli in Comune, c’è Roberto Cavallo – secondo più votato dopo Tripaldi con duecento preferenze –, già delegato all’ambiente negli anni ’90. La nomina allo stesso assessorato sembra fin troppo scontata. Anche perché potrebbero subentrare problemi di altro tipo: la cooperativa Erica, di cui Cavallo è amministratore delegato, lavora spesso con l’Amministrazione su questioni ambientali. Di certo, però, potrebbe ambire a un diverso incarico, magari diventando proprio lui il nuovo vicesindaco.

8 eletti su 15 nella maggioranza sono donne

Per i lavori pubblici, si inizia a guardare tra gli eletti a chi possiede una formazione in materia, come Edoardo Fenocchio, ingegnere con esperienza giàò nel pubblico.

Molto forte anche la presenza delle donne, sono otto su un totale di 15 eletti tra i rappresentanti della maggioranza. Oltre ad Anna Chiara Cavallotto ed Elena Di Liddo, tra i nuovi ingressi non mancano parecchie campionesse di voti: da Martina Amisano, che lavora nel sociale, alla psicologa Donatella Croce.

Sull’ex sindaco Maurizio Marello, sembra molto probabile il ruolo di presidente del Consiglio comunale – il primo è già fissato per il 28 giugno – ma non è da escludere un assessorato, magari l’urbanistica.

Ne parliamo nel numero di Gazzetta d’Alba in edicola da questa mattina, 18 giugno. 

Francesca Pinaffo

 

Banner Gazzetta d'Alba