Si lavora in tutti gli istituti

Alla Montessori presto il via a cantieri per 350 mila euro, alla media di Mussotto se ne spendono 250 mila

In seguito alle segnalazioni di insegnanti e dirigenti scolastici o alle richieste dell’Asl dopo i sopralluoghi effettuati, l’inizio delle lezioni ha visto mettere in campo dal Comune lavori di manutenzione presso numerose scuole albesi dell’obbligo.Si tratta perlopiù di interventi non troppo pesanti, ma sono in programma anche opere più importanti.

 

L’impianto della Moretta (foto Marcato)

Alla scuola dell’infanzia Biancaneve, in corso Piave, sono in corso interventi di adeguamento del soffitto del dormitorio, in base alle normative vigenti, oltre alla sostituzione dei serramenti e all’adeguamento del refettorio, con la collocazione di una parete scorrevole a separazione del locale. Gli interni saranno inoltre oggetto di ritinteggiatura.

Si tinteggeranno anche gli interni della scuola elementare Rodari, dove si sta procedendo inoltre con l’adeguamento e la sostituzione delle lampade di emergenza.

Lo stesso lavoro sarà attuato alla Coppino, dove saranno anche ridipinte le nuove aule per l’infanzia.

Alla scuola dell’infanzia Fenoglio il cancello di accesso sarà automatizzato, mentre le aree esterne saranno dotate di pavimentazione antitrauma.

Presso la Peter Pan, alla Moretta, l’intervento prevede l’insonorizzazione di salone e refettorio, mentre la media Vida è stata dotata di una sbarra di protezione in prossimità dell’accesso da corso Nino Bixio.

La spesa per questi primi interventi di manutenzione ammonta complessivamente a circa 50 mila euro. Tra le scuole su cui s’interverrà più massicciamente figura la media Macrino, dove si procede con l’adeguamento e la sostituzione delle lampade di emergenza e le tinteggiature al piano terreno, mentre all’esterno sono in corso la collocazione di una sbarra a protezione dell’accesso al cortile e l’adeguamento dei percorsi pedonali, per un ammontare di lavori per circa 50 mila euro.

Anche all’elementare Sacco della Moretta vanno sostituite le lampade di emergenza, mentre è in fase di avvio il cantiere che porterà alla risistemazione negli spazi esterni: cortile, marciapiedi e piattaforma per la pallavolo saranno presto rifatti, per renderli maggiormente fruibili ai ragazzi, con una spesa prevista di circa 150 mila euro.

Alla Montessori, dopo l’adeguamento e la sostituzione delle lampade di emergenza, bisognerà occuparsi del completamento delle aree esterne. Attualmente, dopo l’approvazione del progetto esecutivo per il completamento dell’edificio, con un costo previsto di 350.000 euro, sono in corso le pratiche che porteranno al via dei cantieri.

 

La scuola media di Mussotto (foto Marcato)

È stato approvato il progetto esecutivo anche per l’intervento presso la scuola media di Mussotto, per una spesa di 250 mila euro. Intanto, sono al vaglio dell’Amministrazione di Maurizio Marello anche le richieste di personale per l’assistenza agli alunni disabili. Ma i ragazzi che ne hanno bisogno non dovranno attendere. «Il personale che dovrà occuparsi dell’assistenza all’autonomia è già stato individuato, in modo da affiancarlo ai bambini fin dall’inizio dell’anno scolastico», spiega l’assessore Mariangela Roggero Domini.

Elisa Pira

Un polo scolastico alla Moretta

Ecco come potrebbe essere la nuova media che sostituirà la Pertini: si lavora al progetto, ma servono 3 milioni di euro

Esiste una bozza di come sarà la nuova scuola media della Moretta, che sostituirà la Pertini di piazza San Paolo. Il progetto, elaborato dall’Ufficio tecnico, è stato visionato per la prima volta nel corso della riunione di Giunta di giovedì, nel corso della quale il sindaco Maurizio Marello ha dato incarico di procedere al progetto definitivo. «La bozza», ha spiegato Marello, «servirà comepunto di partenza per avviare le consultazioni con i dirigenti scolastici e con i due Comitati di quartiere della Moretta. Essa sarà inoltre trasmessa alla prima Commissione».

Resta da capire come il progetto sarà finanziato: da alcune stime emerge che la spesa dovrebbe ammontare a circa 3 milioni di euro. «L’opera sarà inserita nel prossimo Piano triennale delle opere pubbliche», assicura Marello. «Dovremo affrontare questa spesa con il concorso di fondi propri, alienazione di beni, finanziamenti pubblici e privati».

Non si esclude che la fondazione Crc – che ha già finanziato il progetto per 100 mila euro – possa contribuire. L’attuale sede della Pertini si sviluppa per circa 2.600 metri quadrati. L’attività didattica si svolge in 14 classi frequentateda 310 alunni oltre agli insegnanti e bidelli peruntotale di circa 330persone. Sulla base degli standard previsti dalla legge, la nuova scuola media dovrebbe essere quattro volte più grande.

Il fabbricato in previsione sarà composto da tre piani. Nell’interrato sono previste due ampie aule per le attività motorie. Al piano terreno ci saranno le 16 aule di lezione, sala insegnanti, segreteria, bidelleria, servizi e due ampi spazi ricreativi. Al piano primo sono previsti laboratori e aule didattiche, biblioteca, bidelleria.

«La nuova collocazione della scuola»¸ ha detto il sindaco Marello, «darà agli abitanti del quartiere Moretta un servizio importante che oggi non esiste, creando un nuovo polo scolastico unico insieme all’asilo e alle scuole elementari. Esso consentirà, inoltre, di alleggerire il traffico in corso Langhe».

a.c.