Falsi d’autore in mostra a Sommariva del Bosco

SOMMARIVA DEL BOSCO Settecento anni di storia dell’arte occidentale in mostra nella chiesa dei Battuti bianchi. Tante tele unite da un dettaglio: essere assolutamente false.

Sono perfetti falsi d’autore realizzati dalle Desperate housewives sommarivesi quelli riuniti nella mostra che verrà inaugurata sabato 18 giugno alle 17.

«L’esposizione »,  spiegano i promotori, « ha la sua origine trent’anni fa, quando la professoressa Carla Romano, all’epoca insegnante di Educazione artistica, decise di animare il vasto “esercito” dei suoi scolari,  proponendo loro di riprodurre opere, note e meno note, dei grandi pittori della storia dell’arte occidentale. Invito raccolto, anni dopo, da un gruppo di signore appassionate di arte. Grazia Banci, Flavia Barberis, Giuseppina Bornino, Ivana Bruzzese, Angelica Carle, Franca Castagno, Gemma Diato, Carmen Gioetti, Nuccia Groppo, Laura Izzi, Lorella Lazzaro, Nadia Maramigi, Maria Milazzo, Alessia Mintrone, Daniela Missaglia, Jolanda Olivero, Anna Olivero, Clara Panero, Anna Pipino, Marcella Rabino, Carla Romano, Giuliana Suini e il piccolo Leonardo Olivero hanno dedicato la mostra di quest’anno alla loro amica e “collega” recentemente scomparsa, Vilma Soldato».

L’esposizione resterà aperta domenica 19 e domenica 26 dalle 10.30 alle 12.30 e dalle 16.30 alle 19.30 e anche sabato 25 giugno dalle 16.30 alle 19.30. L’ingresso è libero.

Domenica 26 si potranno anche ammirare i falsi d’autore racchiusi nel complesso scolastico sommarivese. Il tour guidato dalla professoressa Romano partirà alle 11, dalla chiesa dei Battuti bianchi e si soffermerà sui cicli di  affreschi ispirati alla celeberrima “Camera degli sposi” di Mantegna e su quelli che rievocano le immagini racchiuse nella Tomba di Nefertari.