Salone dell’orientamento: oltre 800 studenti vi cercano il futuro

STUDENTI Oltre 800 ragazzi cercheranno il proprio futuro al palazzo mostre e congressi Giacomo Morra, che questa mattina è stato preso d’assalto in occasione della prima giornata del salone dell’orientamento. Quattro mattine, dal 7 al 10 marzo, organizzate dal Comune di Alba attraverso il settore Politiche giovanili, con la collaborazione di Informagiovani, per offrire agli studenti un panorama articolato delle possibilità formative e lavorative legate a ciascuna facoltà universitaria.

A partecipare, con una media di 600 ragazzi al giorno, gli studenti iscritti all’ultimo anno delle superiori, che nell’albese annoverano una trentina di sezioni, tra Istituti e Licei, oltre ad alcune classi quarte o terze che qualche docente illuminato ha voluto coinvolgere, per offrire ai ragazzi le informazioni in tempo utile a determinare una scelta meditata e consapevole e, anche, opportunità maggiori, per numero e qualità. Perché, alcune Università, danno la possibilità di sostenere i test d’ingresso anche alla fine della quarta superiore.

Anna Chiara Cavallotto, assessore comunale alle politiche giovanili, sostiene l’iniziativa con entusiasmo: «Nonostante le poche risorse disponibili sul settore orientamento, siamo determinati a proporre il Salone che riteniamo abbia una valenza positiva non solo per l’orientamento personale di ciascun ragazzo, ma anche per l’intera comunità. Mi spiego meglio: in questo periodo in cui è così difficile trovare lavoro, se si fa qualcosa che piace di solito si è mossi anche dall’entusiasmo e dalla creatività fondamentali per “inventarsi” un proprio spazio».

Concordano sull’importanza dellorientamento anche un gruppetto di studenti dell’Itis: «Abbiamo partecipato alle conferenze perché vorremmo ampliare i nostri orizzonti».

Hanno le idee già abbastanza chiare Matilde e Tatiana, che frequentano l’Umberto I, come anche la loro amica Jessica, studentessa del linguistico: «Abbiamo scelto dei licei già piuttosto caratterizzati e abbiamo già ideee piuttosto precise circa le facoltà che vorremmo frequentare. Partecipare al Salone è un’occasione di verifica ulteriore».

Da sinistra: Matilde (Enologica), Jessica (Da Vinci) e Tatiana (Enologica)

Nel numero di Gazzetta in edicola, gli orari di tutte le conferenze previste nell’ambito del Salone dell’orientamento.

Valeria Pelle

 

La platea alla conferenza di Scienze della formazione, nell'ambito della Scuola di scienze umanistiche di Torino conferenza di Scienze della formazione, nell'ambito della Scuola di scienze umanistiche di TorinoLo stand della IulmAll'ingresso