Alla fondazione Mirafiore di Fontanafredda Attilio Scienza spiega la genetica

SERRALUNGA Con il nuovo anno il Laboratorio di Resistenza permanente organizzato dalla fondazione Emanuele di Mirafiore riprende l’attività con un calendario di eventi gratuiti che, sino a luglio, vedrà avvicendarsi personalità celebri in dialogo con il pubblico. Paola Farinetti, che cura il progetto, non nasconde la soddisfazione: «La risposta del pubblico è stata positiva e calorosa. Abbiamo proseguito il lavoro, migliorandolo con nuove proposte».

Il programma è strutturato in sezioni. “La tradizione” offre un percorso di lezioni tenute da uomini e donne che si sono distinti in discipline diverse e complementari fra loro: dalla politica (il ministro Marianna Madia il 16 febbraio) al giornalismo (Giovanni Minoli il 23 febbraio, Mattia Feltri il 10 marzo, Claudio Cerasa il 14 aprile), dalla letteratura (Carlo Lucarelli il 16 marzo) alle scienze umane (Domenico de Masi il 3 febbraio, lo storico Alessandro Barbero il 6 aprile).

Novità di questa stagione sono “Le coppie di ferro”, esempi di come lavoro e passioni possano e debbano essere condivisi. Dietro questi incontri, spiega Farinetti, «c’è la volontà di riflettere su come il lavoro conosca una dimensione di partecipazione e aiuto reciproco che spesso diamo per scontata. Lo testimoniano esperienze diversissime come quella di Bebe Vio e della mamma Teresa (5 febbraio), Massimo Bray e Nicola Lagioia (9 febbraio), Paolo Fresu e la moglie Sonia Peana (4 marzo)». A maggio torneranno le “passeggiate letterarie”, mentre per intrattenere i più piccoli ci saranno gli spettacoli per famiglie che interesseranno i fine settimana. Intanto, la fondazione riaprirà i battenti venerdì 19 gennaio con la lezione magistrale del genetista Attilio Scienza intitolata “Chi ha paura della genetica? La ricerca scientifica e il senso del futuro”.

a.d.