Su questo sito utilizziamo cookie tecnici.

Rosario La Rossa porta al Cinema vekkio la rivoluzione Scampia

CULTURA Fresco di nomina nella giuria del premio Bottari Lattes Grinzane, Rosario Esposito La Rossa, scrittore, editore e unico libraio del quartiere Scampia a Napoli, sarà l’ospite d’onore del primo degli incontri della rassegna “Parole in cerchio”, organizzata da Lauto educare e dalla libreria Milton per dare voce ad autori che hanno saputo affrontare il tema dell’educazione al di là degli schemi istituzionali.

L’incontro, con ingresso libero, è per domenica 11 febbraio, dalle 16.30, nel Cinema vekkio di Corneliano. Dalle 19.30 è prevista una cena di autofinanziamento (per informazioni e prenotazioni il numero di telefono è 393-99.92.680).

Quanto “pesa” la cultura a Scampia?
«Oltre ai libri proponiamo ai ragazzi, che hanno un’età tra gli 8 e i 15 anni, tante attività. Una delle più importanti credo sia il laboratorio teatrale, che gli consente di divertirsi e sperimentare cose nuove. Non vogliamo presentarci come eroi, ma ci piace pensare di poter dare ai giovani un’opportunità in più: spetterà a loro decidere di coglierla o no. Quando ero piccolo, la libreria più vicina era a dieci chilometri: ora l’hanno sotto casa».

Com’è il tuo quartiere oggi?
«Quella descritta da Gomorra è la Scampia di dieci anni fa. Ora stanno nascendo centri sportivi, stadi, poli culturali: siamo il quartiere con il maggior numero di associazioni in Italia. Giorno dopo giorno, stiamo costruendo tutti insieme qualcosa
di meraviglioso: a Scampia è davvero in corso una rivoluzione epocale».

f.p.