Su questo sito utilizziamo cookie tecnici.

Ad Alba music festival la prima esecuzione di Halevi

CONCERTI L’edizione nuova dell’Alba music festival, la numero 15, sarà diffusa fra i teatri, le chiese e gli spazi all’aperto della città, con alcuni dei trenta concerti e appuntamenti in trasferta alla fondazione Bottari Lattes di Monforte, oltre che a Mondovì e Busca. La rassegna ideata e diretta da Giuseppe Nova e Jeff Silberschlag sarà inaugurata giovedì 24 maggio, alle 21, nell’auditorium della fondazione Ferrero e si chiuderà il 3 giugno con la prima esecuzione dell’opera sinfonica Halevi di Arnold Saltzman. Non mancheranno gli eventi collaterali: prove aperte, seminari, la mostra di Bruno Murialdo con le foto della scorsa edizione e il libro dedicato alle immagini dei primi 15 anni del festival.

Ecco il programma.

Giovedì, alle 21, alla fondazione Ferrero, in strada di Mezzo: concerto della Seoul ensemble Klavier con musiche di Beethoven, Chopin e Vivaldi.
Si proseguirà venerdì 25 maggio, dalle 12 alle 14, con il corso internazionale di composizione nel campus di corso Michele Coppino, che si terrà in tutte le giornate del festival. Seguirà la giornata dell’istituto musicale a porte aperte  e alle 18 in San Domenico l’inaugurazione della mostra di Murialdo. Alle 21 la giornata si chiuderà, in San Domenico, con i virtuosi dell’Alba music festival e Brian Ganz al pianoforte, diretti da Jeff Silberschlag.

Brian Ganz

Sabato 26 maggio alle 10 in sala Beppe Fenoglio si terrà il seminario di arpa con Stephanie Manzo. Alle 16: “Leon de Trombòn e Bacchettafrolla”, favole in musica e altre avventure sonore con Carlo Boccadoro e i Diavoletti Suzuki. Alle 18, in piazza San Paolo: le orchestre delle scuole medie a indirizzo musicale della provincia in concerto. Alle 21 in San Domenico: “Paysages chimériques”, musiche di Schubert e Vaughan Williams accompagnate da proiezioni e sincronizzazioni dal vivo con il gruppo Quatrain (Célia Ballester, Caroline Lamboley, Sébastien Robert, Marie Casteran, Patrick Froesch).

Domenica 27, alle ore 11, in San Giuseppe, concerto d’arpa con Stéphanie Manzo. Alle 16.30, nell’auditorium della fondazione Bottari Lattes a Monforte: concerto della Soli chamber ensemble (Stephanie Key, Ertan Torgul, David Mollenauer, Carolyn True). Alle 21, in San Domenico: Giuseppe Nova e Rino Vernizzi, con Giorgio Boffa e Ruben Bellavia eseguiranno musiche di Mozart e Beethoven rivisitati.

Lunedì 28, alle 15.30, nella chiesa della Maddalena sarà aperta una esposizione di flauti storici, seguita, alle ore 17.30, da “Musiche intorno al mondo” di Alessandro Crosta e Nadia Testa. Alle 21, in San Giuseppe, Larry Vote dirigerà il concerto del coro del St. Mary’s college, introdotto dagli allievi dell’istituto musicale albese.

Martedì 29 maggio, alle 15.30 in sala Fenoglio: “Buon compleanno, Topolino” proiezione di estratti dai film Fantasia di Walt Disney e Allegro non troppo di Bruno Bozzetto con Pier Mario Mignone e Dino Bosco. Alle 17.30 alla Maddalena: omaggio a George Gershwin e Leonard Bernstein di Luigi Santo (tromba) e Daniela Gentile (pianoforte). Alle 21, nell’auditorium della fondazione Ferrero: “L’arte del barocco”, concerto dei Solisti veneti diretti da Claudio Scimone.

Mercoledì 30, alle 17.30 alla Maddalena: Giuseppe Nova accompagnerà in concerto i flautisti statunitensi. Alle 21 in San Domenico, il Rocca aprirà il concerto di Elisso Gogibedaschwili, violino, e Bruno Canino al pianoforte.
Giovedì 31, alle 17.30 nella chiesa della Maddalena: concerto dell’accademia chigiana Global program ensemble. Alle 21 in San Domenico: Le mille e una notte con la violinista Elena Tanski accompagnata dall’orchestra della Romania.
Venerdì 1° giugno, alle 17.30 in sala Fenoglio, omaggio a Helmut Lachenmann dell’Mdi ensemble. Alle 21 in San Domenico: concerto “Bernstein 100 & friends” con Jeffrey Chappell al piano e Zachary Silberschlag alla tromba affiancati dall’orchestra della Romania.
Sabato 2 giugno, alle 11 in San Giuseppe: esibizione della chitarrista Ada Castellaneta dedicata a Cervantes. Alle 14.30 nell’azienda vinicola Piazzo di San Rocco Seno d’Elvio: “Wine & music experience” con Ico Turra. Alle 17.30 alla Maddalena: concerto di flauto con Karen Johnson. Alle 21 in San Domenico: “Il bolero e lo stregone” con l’orchestra della Romania.

Jeff Silberschlag con l’orchestra sinfonica della Romania

Domenica 3 giugno, alle 11 in San Giuseppe: per i cinquant’anni dall’uscita del Partigiano Johnny di Beppe Fenoglio, Guido Tonini Bossi, voce recitante, e Lorenzo Marasso, pianoforte, saranno impegnati nella esecuzione di Partižan di Anne LeBaron, opera commissionata dalla fondazione Ferrero. Seguirà un incontro con l’autrice, membro del California institute of the arts.
Alle 16.30, alla fondazione Bottari Lattes di Monforte il Duo del Gesù, composto da Christoph Tymendorf e Arnaud Kaminski, accompagnerà in concerto il soprano Sung Hee Park. Alle 21 in San Domenico: chiusura del festival con l’opera sinfonica Halevi di Arnold Saltzman su testi di Judah Halevi. La prima esecuzione assoluta è affidata a Janice Meyerson, mezzosoprano, e Maurizio Leoni, baritono, con l’orchestra della Romania diretta da Jeff Silberschlag e i cori dell’Alba music festival e St. Mary’s college.